Venticinque milioni di italiani comprano direttamente dai contadini

Sono circa 25 milioni gli italiani che acquistano cibo dai contadini trainati da una nuova sensibilita’ verso i cibi salutari ma anche dalla volonta’ di recuperare un contatto diretto con chi coltiva i prodotti che portano in tavola. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti su dati Censis diffusa in occasione della prima mostra mercato “internazionale” promossa dalla “World Farmers Market Coalition” con Campagna Amica a Palazzo Rospigliosi a Roma per la giornata mondiale della biodiversita’ proclamata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite. L’Italia – spiega Coldiretti – e’ il Paese della Ue con la piu’ estesa rete organizzata di mercati contadini con 15.000 agricoltori coinvolti in circa 1.200 farmers market di Campagna Amica per un fatturato nazionale della filiera corta con vendita diretta che raggiunge i 6 miliardi di euro all’anno. Un sistema organizzato da nord a sud del Paese che – continua Coldiretti – non ha solo un valore economico ma anche occupazionale ed ambientale. Lo sviluppo dei mercati di Campagna Amica ha consentito la creazione di quasi quarantamila posti di lavoro, necessari per affiancare gli imprenditori agricoli nella gestione dell’attivita’ di coltivazione e di vendita, secondo l’analisi Coldiretti. Ma la rete dei farmers market svolge anche un’importante funzione sociale spingendo la riscoperta della vita di comunita’, sostenendo la liberta’ di scelta e la consapevolezza dei consumatori nella scelta dei prodotti, promuovendo l’educazione alimentare, diffondendo la conoscenza dei territori. A spingere la spesa dall’agricoltore e’ soprattutto la possibilita’ di trovare prodotti stagionali, a km zero e di qualita’. Nei mercati dei contadini di Campagna Amica e’ possibile anche trovare specialita’ del passato a rischio di estinzione che sono state salvate grazie all’importante azione di recupero degli agricoltori e che non trovano spazi nei normali canali di vendita dove prevalgono rigidi criteri dettati dalla necessita’ di standardizzazione e di grandi quantita’ offerte.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Unicef, nel 2023 sono 78.530 i lavoratori minorenni nella fascia 15-17 anni

Unicef Italia ha presentato il 2° Rapporto statistico ”Lavoro minorile in Italia: rischi, infortuni e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *