A Chieti gli scavi archeologici in piazza ‘spaccano’ il M5S

La raccolta di fondi donati al Comune di Chieti da un gruppo di cittadini per finanziare gli scavi archeologici in piazza San Giustino spacca il Movimento 5 stelle. Con il capogruppo in Consiglio comunale Luca Amicone che conferma ” la piena fiducia nell’azione del sindaco Diego Ferrara e della Giunta”, che nei giorni scorsi non si sono presentati all’appuntamento per la consegna simbolica dei 7.000 euro raccolti e oggetto di una formale dichiarazione di donazione. E bolla come fatte a titolo personale le dichiarazioni della capogruppo in Consiglio regionale d’Abruzzo Sara Marcozzi che aveva censurato la posizione di sindaco e Giunta. “Non e’ la posizione politica del M5s a Chieti, ma e’ a titolo personale, e’ evidente che si tratta di una voce fuori dal coro – dice Amicone – Sfuggono diverse cose su Piazza San Giustino o forse si e’ stati male informati, ovviamente non da me che non sono mai stato contattato. A Chieti la consigliera regionale Marcozzi non rappresenta “i 5 Stelle”. Amicone ribadisce “che la posizione ufficiale del Movimento 5 Stelle a Chieti e’ legittimata dalla mia persona che rappresenta il gruppo intero: il Comune si sta muovendo nell’ambito delle proprie competenze chiedendo alla presidenza del Consiglio di poter utilizzare i ribassi d’asta per i lavori di piazza San Giustino e parliamo di entita’ molto consistenti”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Renzi a Pescara: il presidente del Consiglio è solido e saldo

”D’Alema, Speranza e Bersani dovevano dire subito che sono una vergogna le parole di Travaglio, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *