Chieti, parere positivo del Collegio dei Revisori al Bilancio

Il Collegio dei revisori dei conti ha espresso parere positivo sul Documento unico di programmazione e sul Bilancio di previsione 2019-2021 del Comune di Chieti gia’ deliberati dalla Giunta ed attualmente all’esame dei consiglieri comunali in vista dell’approdo in Consiglio per l’approvazione. Il Bilancio, scrivono i revisori nella relazione, e’ stato redatto nell’osservanza delle norme di legge, dello Statuto dell’ente, del regolamento di contabilita’, dei principi previsti dall’articolo 162 del Testo unico degli enti locali e delle norme del Decreto legislativo n. 118/2011. “E’ il risultato dei sacrifici che abbiamo dovuto compiere in tutti questi anni – ha commentato il sindaco Umberto Di Primio – grazie alle azioni che, con grande senso di responsabilita’, hanno mosso le scelte dell’amministrazione comunale. Va innanzitutto segnalato come l’indebitamento per la citta’, da qui ai prossimi anni, andra’ gradualmente diminuendo. Dopo aver affrontato uno dei periodi piu’ difficili a causa delle problematiche economico-finanziarie, nel 2020 riconsegneremo un Comune che, in prospettiva, grazie agli interventi messi in campo, senza mai cedere ai populismi o a richieste di conservazione di vecchi privilegi, riuscira’ a garantire una prospettiva di abbassamento del debito pro-capite”. Dal canto suo l’assessore Luise ha spiegato che la manovra finanziaria ha dovuto prioritariamente affrontare le prevedibili conseguenze negative derivanti dalla scelta politica della mancata vendita, a fine 2018, di una delle farmacie comunali, destinando obbligatoriamente ingenti risorse alla copertura del disavanzo generato da tale decisione. “Per poter coprire il disavanzo si e’ dovuto fare ricorso a tre interventi principali – dice la Luise: una lieve revisione delle tariffe relative ai servizi, nonostante la raccomandazione del Collegio dei Revisori per la copertura integrale, il doveroso riallineamento del compenso riconosciuto a Teateservizi per la riscossione volontaria, rispetto alle correlate tariffe applicate dagli altri soggetti, pubblici e privati, presenti sul mercato e minori assunzioni rispetto alle possibilita’ derivanti dalle riduzioni conseguenti ai pensionamenti. Siamo riusciti, comunque, a costruire un bilancio non solo rispettoso dei vincoli di finanza pubblica, ma anche capace di mantenere i precedenti stanziamenti per i servizi sociali e di ripristinare il servizio di trasporto scolastico a partire dall’anno scolastico 2019-2020”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *