Commissione d’inchiesta sull’emergenza idrica in Abruzzo

Il Consiglio regionale dell’Abruzzo ha votato all’unanimità l’istituzione della nuova Commissione d’inchiesta dedicata al tema dell’emergenza idrica in Abruzzo. Il presidente dell’Assemblea legislativa, Lorenzo Sospiri, ha incoraggiato la nascita dell’organismo d’indagine allo scopo di accertare le cause legate ai problemi esistenti in regione sulla rete idrica e indagare sulle eventuali responsabilità gestionali. “L’Ufficio di Presidenza che presiedo – ha commentato Sospiri – ha concesso all’unanimità il via libera al lavoro della nuova Commissione. Abbiamo accolto la proposta del Capogruppo Sara Marcozzi, convinti che un percorso di verità sul tema dell’acqua pubblica e l’elaborazione di suggerimenti tecnici e gestionali possa giovare all’intera comunità abruzzese”. L’organismo durerà in carica sei mesi dalla nascita, trascorso tale periodo sarà elaborata una relazione sugli esiti dell’inchiesta. La Commissione avrà il compito di verificare lo stato di attuazione e il rispetto della normativa nazionale di settore e di tutte le disposizioni previste dalla leggere regionale n. 9 del 2011 che disciplina la materia del servizio idrico. Gli altri compiti prevedono: indagini sullo stato delle infrastrutture e delle reti idriche abruzzesi, comprese fognature e servizi di depurazione delle acque reflue; verifica delle iniziative di monitoraggio e informazione disponibili da parte della Regione Abruzzo attraverso l’ERSI (Ente Regionale per il Servizio Idrico Integrato dell’Abruzzo) e gli antri enti pubblici nazionali e regionali; accertamento delle cause dei problemi di dispersione idrica e provvedimenti di razionamento dell’erogazione dell’acqua; verifica sulla gestione di atti e provvedimenti di ERSI e delle quattro ASSI (Assemblea dei Sindaci per il Servizio Idrico Integrato) istituite a livello provinciale;  ricognizione di atti e provvedimenti adottatti dalle società operanti all’interno dell’ATUR, in particolare sullo stato delle infrastrutture, programma degli interventi, modello gestionale e piano economico; approfondire l’adeguatezza delle leggi regionali in materia; ricognizioni sugli interventi finanziari di Regione Abruzzo dedicati al servizio idrico. Il lavoro della Commissione entrerà nel vivo dopo la nomina dei componenti, scelti in proporzione alla consistenza dei Gruppi consiliari, e del Presidente.

“I grandi disagi sofferti dalle famiglie abruzzesi e dall’intera comunita’ a causa dell’emergenza idrica ci ha convinto sin da subito ad aderire e sottoscrivere l’istituzione della Commissione d’inchiesta sull’acqua, proposta dalla collega Sara Marcozzi”, cosi’ il capogruppo Pd Silvio Paolucci sull’organismo istituito oggi dal Consiglio regionale. “Abbiamo aderito con convinzione subito, non solo per fare luce sulle perdite ingenti della rete che condizionano in modo pesante il servizio e determinano disagi per migliaia di persone – rimarca il consigliere – ma anche perche’ vogliamo fare luce sul futuro e un dare un contributo sulle prospettive, sugli interventi e sulle risorse che arriveranno con il PNRR che all’acqua ha dedicato una sezione importante della progettazione, perche’ nessuna goccia di acqua vada dispersa, ma si possa porre rimedio alla situazione e ai limiti del passato”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Inchiesta appalti sanità, Pettinari: dichiarazioni presidente Marsilio vergognose. Chieda scusa a magistrati e cittadini

“E’ inaccettabile leggere le parole di un Presidente di Regione che squalificano le azioni della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.