Crisi idrica a Chieti, il Comune scrive all’Aca

Il Comune di Chieti ha scritto all’Aca, gestore del servizio idrico, per chiedere informazioni sullo stato degli impegni assunti con il Consiglio comunale straordinario di Chieti riunitosi il 22 settembre scorso e per chiedere che vengano avviati i lavori annunciati in quella sede. “L’acqua resta un problema irrisolto in citta’, nonostante gli impegni assunti in Consiglio comunale da Aca, Ersi e Regione – dicono il sindaco Diego Ferrara e l’assessore all’Ambiente e transizione ecologica, Chiara Zappalorto – A un mese dall’assise, l’unica cosa certa sono ancora le chiusure e le riduzioni del flusso idrico a Chieti alta e allo Scalo: vanno al piu’ presto messi in cantiere gli interventi sulle reti di cui Aca ed Ersi hanno parlato in Consiglio, sia quelli di completamento e manutenzione; vanno al piu’ presto date certezze in merito alle risorse regionali per gli interventi a lungo raggio. Per questo chiediamo al piu’ presto l’istituzione del tavolo permanente di monitoraggio e intervento richiesto dall’Assise e al contempo e’ indispensabile mettere subito in cantiere gli interventi possibili e ci dobbiamo sedere con i tecnici per studiare insieme soluzioni a piu’ ampio raggio per risolvere le criticita’ future, perche’ l’emergenza di quest’estate non si ripeta. A questo serve il tavolo – concludono sindaco e assessore – a scandire tempi di interventi che devono partire al piu’ presto e anche per stabilire azioni a ristoro degli utenti, come chiedevano le associazioni dei cittadini che hanno partecipato alla seduta”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *