Delegazione cinese di Fuzhou a Pescara

Sempre piu’ vicine Pescara e la citta’ cinese di Fuzhou (provincia del Fujian) per sviluppare i rapporti economici, sportivi e commerciali, nell’ambito del progetto sportivo Football Town Program, ideato dalla Proger – societa’ d’ingegneria abruzzese, leader in Italia – in collaborazione con il Centro Estero delle Camere di Commercio d’Abruzzo e il Pescara Calcio. La delegazione cinese della municipalita’ di Fuzhou, e’ stata accolta oggi a Palazzo di Citta’ dal sindaco Alessandrini, a poche settimane dalla firma del protocollo d’intesa siglato in occasione della scorsa missione in Cina del Comune di Pescara. “Siamo tornati sulla via della seta tracciata da Marco Polo otto secoli fa – ha detto il sindaco Marco Alessandrini – sostenendo con forza un progetto che e’ riuscito a conquistare grande attenzione a Fuzhou, la capitale della provincia del Fujian che conta 7 milioni di abitanti. Oggi presentiamo la citta’, nell’ambito di un progetto nato qui per esportare in Cina i migliori talenti del nostro territorio. In Cina c’e’ una crescente passione per il calcio: il governo di Pechino ha di recente annunciato un piano strategico trentennale che ha fra i suoi obiettivi di lungo periodo quello di diffondere la pratica calcistica fra le giovani generazioni, con l’obiettivo ambizioso di conquistare la Coppa del Mondo entro il 2050. E’ un percorso che ci riguarda e che ci consente un prezioso scambio non solo economico, ma anche culturale e sportivo, con Pescarache vuole fungere da motore di questo progetto, considerando che la Cina ha 1,3 miliardi di abitanti e questo rappresenta un’opportunita’ anche per il nostro sistema produttivo. Lo schema studiato e’ quello della Football Town: costruire cioe’ in diverse citta’ un nuovo stadio, moderno e funzionale, intorno al quale realizzare tanto una Football Academy (Accademia e scuola calcio), con spazi commerciali di elevata qualita’. In questo solco si sono inseriti Proger Spa, Centro Estero Abruzzo e Pescaracalcio con l’ambizioso progetto, supportato dal livello istituzionale – ha detto Alessandrini – di entrare nel mercato cinese, partendo dal calcio per arrivare alla cultura, alla moda, all’enogastronomia, al design: insomma a tutto cio’ che fa made in Italy, o meglio made in Abruzzo”.

“Gli accordi stretti in questi ultimi mesi – ha commentato l’Amministratore Delegato di Proger, ing. Umberto Sgambati – segnano un passo importante nel percorso di realizzazione di un progetto capace di rappresentare un’occasione di business per numerosissime aziende, italiane e cinesi, essendo in grado di muoversi contemporaneamente in piu’ direzioni che vanno dallo sport alla promozione e valorizzazione dei prodotti tipici, dall’healthcare alla cultura passando, naturalmente, per l’ingegneria e il management. Il governo cinese crede molto nel calcio come motore propulsore per lo sviluppo del Paese. Basti pensare – ha detto Sgambati – che si punta in Cina alla costruzione di 70mila campi di calcio e 20 Football Academy. L’obiettivo e’ quello di realizzare alla fine una rete di Football Town”. Sgambati ha spiegato che molte aziende cinesi vorrebbero investire ancora in Italia, e in Abruzzo, e in questo senso si potrebbe aprire un discorso importante che riguarda la costruzione del nuovo stadio di Pescara. E proprio il presidente del Pescara Daniele Sebastiani ha spiegato l’importanza di questo protocollo: “La Cina punta molto sul calcio e noi potremmo essere quelli che in qualche modo possono fungere da traino per il Made in Abruzzo in Cina. Ci siamo messi subito a disposizione per questo progetto, con l’obiettivo di portare in Cina tutto l’Abruzzo che vuole fare sistema. Vogliamo sviluppare un rapporto calcistico importante con il Football. A luglio tre nostri tecnici andranno in Cina a fare degli stage con dei calciatori cinesi e ad agosto alcuni di questi ragazzi cinesi verranno in Abruzzo, e questo per far nascere un rapporto di collaborazione che puo’ essere importante perche’ in Cina ci sono investitori interessati al calcio, visto quello che e’ accaduto a Milan e Inter, e poi perche’ la Cina ha grosse potenzialita’ anche dal punto di vista del calcio giocato, con un grande sviluppo. Ci sono tanti giocatori cinesi che possono far bene, e’ in questa ottica, questa puo’ essere un’ottima opportunita’. Fare sistema oggi e’ fondamentale”. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *