Francavilla. Il sindaco scarica l’assessore Buttari. I Consiglieri di maggioranza e assessori fedeli a Luciani: scelta condivisa, Andiamo Avanti.



Scontro politico con il sindaco di Francavilla, Antonio Luciani che boccia ed estromette dalla giunta l’assessore Francesca Buttari, esponente del Pd. Finisce così una lunga storia di collaborazione istituzionale proprio all’ultimo miglio di una alleanza di centro sinistra che ha vissuto alti e bassi, con il primo cittadino saldo al timone di un governo cittadino che ha portato avanti progetti, iniziative e riforme innovative. Il rapporto con l’assessora Buttati, e il Pd si è incrinato sul futuro dell’amministrazione, con Luciani al suo ultimo mandato che ha indicato alla successione Luisa Russo candidata a sindaco alle prossime elezioni comunali. Una scelta di campo, fuori la nomenclatura regionale del Partito Democratico che non ha gradito il metodo Luciani. Che per paradosso è il metodo che il Pd aveva riservato a Luciani proprio alle ultime elezioni regionali dove il sindaco di Francavilla è stato dapprima coinvolto in un ambizioso progetto regionale e poi bloccato per non dire bocciato senza troppi complimenti.
Ieri, a Francavilla si è registrato l’ennesimo colpo di scena, con i consiglieri comunali schierati a sostegno della iniziativa del sindaco Antonio Luciani che non solo hanno difeso il loro primo cittadino, ma hanno confermato appieno, le sue scelte e i progetti futuri affidati alla candidata Luisa Russo.

Questi i nomi e il documento dei consiglieri vicini al sindaco Antonio Luciani.
Consiglieri Comunali; Luca Paolucci, Massimo Nunziato, Remo Di Palma, Enrico Bruno, gli Assessori Wiliams Marinelli, Giovanni Natale, Luisa Russo e il Vice Sindaco Rocco Alibertini affidano ad una dichiarazione congiunta il loro pensiero in merito alla revoca dell’assessore Francesca Buttari. “La decisione non è da ritenersi come un’idea individuale del Sindaco”, scrivono, “Da molto tempo le divergenze sono in atto, la discussione politica va avanti da diversi mesi; ne sono testimonianze il passaggio del Presidente del Consiglio Bruno dal Partito Democratico ad Azione e la nomina, di poco più di un mese fa, del nuovo vicesindaco Rocco Alibertini a seguito delle dimissioni del capogruppo Pd in Consiglio Comunale Mario Gallo. Il percorso di Francesca Buttari si è configurato in quest’ultimo periodo come percorso personale, nel quale l’aspetto politico e di immagine singola ha prevalso sullo spirito collettivo e sulla figura amministrativa di cui ogni assessore è investito, senza nulla togliere alle capacità della dottoressa Buttari per tutto ciò che in questi anni ha riguardato le deleghe affidategli dal Sindaco. Francesca Buttari in questi otto anni ha avuto pieno spazio e piena fiducia da parte del primo cittadino e dell’amministrazione; uno spazio che le ha permesso di crescere politicamente e come amministratore, che ha determinato anche pieno supporto alla sua candidatura a consigliere regionale nel 2019. In una squadra, però, c’è il momento in cui il gruppo sostiene te ed un un momento in cui sei tu a dover sostenere il gruppo e non addirittura andargli contro. Nessuno ha fatto scatti in avanti, nessuno ha giocato per sé. E’ un momento molto delicato in cui si gioca il futuro di questa Città ,che non può essere affidato ai populismi e alle destre. Riteniamo che, ancora una volta, il Sindaco abbia agito a protezione di un gruppo che non vuole disperdere il buon lavoro e le energie accumulate in questi anni. Stiamo lavorando ad un progetto di continuità, che non a caso prende il nome di “Andiamo Avanti”. Proseguiamo il confronto costruttivo e leale con il Partito Democratico, sulla scia di alcune occasioni di incontro che già si sono svolte tra i gruppi civici ed i rappresentanti del partito, che condurrà alla composizione della coalizione che si presenterà al cospetto dei cittadini nei prossimi mesi.”

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *