Giornalisti in piazza per difendere la libertà di stampa

“Tutto ci saremmo aspettati meno che i giornalisti italiani potessero scendere in piazza per difendere la liberta’ di stampa.”. Cosi’ il presidente dell’Odg Abruzzo Stefano Pallotta presente, al flash mob convocato in tutte le piazze d’Italia dalla Federazione nazionale della Stampa in risposta agli attacchi rivolti alla categoria da diversi esponenti del M5s a cominciare dal Ministro Luigi Di Maio per finire ad Alessandro Di Battista. Da pennivendoli a puttane fino a infami sciacalli, la questione ha mobilitato la categoria che, a Pescara, questa mattina si e’ riunita in Pizza Italia dove si sono presentate anche associazioni ambientaliste e politici bipartisan.

“Siamo scesi in piazza per i contratti nazionali di lavoro, sui problemi sindacali, ma mai per difendere un principio stabilito dalla Dichiarazione dei diritti dell’uomo sancito nel 1789 e ribadita nel 1799 dalla Repubblica napoletana – ha detto Pallotta – Repubblica molto vicina a qualche ministro della nostra Repubblica che pure offende i giornalisti. All’articolo 7 enunciava la liberta’ di stampa, il diritto d’opinione, la liberta’ di critica in maniera cosi’ moderna che probabilmente costoro ci vogliono ricondurre indietro ma noi non lo accetteremo e non lo faremo passare”. “Stavolta e’ un attacco concentrico non e’ sporadico e occasionale – aggiunge Pallotta -. Hanno cominciato con il finanziamento all’editoria. Poi sono passati attraverso l’abolizione dell’Ordine dei giornalisti. Adesso sono arrivati gli insulti. E’ una temperie politico-culturale che non piace per niente. C’e’ un disegno dietro e’ questo il pericolo”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Scuola dell’infanzia, 19 milioni per il Piano triennale

Via libera della Giunta regionale al Piano triennale di istruzione e educazione per i bambini …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *