Grillo: Bisogna garantire i servizi essenziali negli ospedali

“Bisogna garantire i servizi essenziali negli ospedali, soprattutto in quelli che si trovano in aree disagiate dal punto di vista dei collegamenti e dal punto di vista del clima. Il problema delle liste di attesa e’ anche gestionale e se i direttori generali non fanno rispettare le procedure, devono andare a casa”. E’ quanto ha affermato il ministro Giulia Grillo, intervenuta a Chieti, nella sede della Camera di Commercio, a sostegno della candidata presidente alla Regione Abruzzo Sara Marcozzi alle prossime competizioni elettorali del 10 febbraio. “Vanno inoltre definiti i criteri per la nomina dei manager, che devono essere validi per poter svolgere il proprio ruolo, ha aggiunto il Ministro. 

“Abbiamo 228 milioni di euro ancora da spendere per la Regione Abruzzo, perche’ per la costruzione dei nuovi ospedali dovremmo approvare un project financing? Perche’ fa gli interessi del privato? Con Sara Marcozzi presidente ci sara’ una migliore gestione delle risorse economiche che non verranno sprecate inutilmente”. Lo ha detto il ministro della Sanita’ Giulia Grillo a Chieti 

”Quello delle liste d’attesa è un tema prettamente gestionale. Non è solo un tema di risorse umane come alcuni vogliono fare credere nascondendosi dietro le proprie responsabilità. Bisogna dare degli obiettivi chiari ai direttori generali e far sapere ai direttori generali, che sono lautamente pagati da noi cittadini, che se non raggiungono quegli obbiettivi, se ne vanno a casa. E’ semplicissimo: vedrete come si riducono le liste d’attesa in 5 minuti”. Così il ministro Giulia Grillo.

”Purtroppo da ministro mi sono arrivate in questi mesi tutta una serie di informazioni, veramente allucinanti, cioè fondate sul nulla, che fanno terrorismo psicologico. Se un genitore vede un video di quelli che ho visto io, che non hanno veramente alcun nesso logico dal punto di vista della medicina, si spaventa e dice ‘Addio, io mio figlio non lo faccio vaccinare’. Così lo mette a repentaglio perché mentre purtroppo abbiamo avuto i morti di morbillo, che sono reali o i morti per meningite, non è che ci sono i morti da vaccino. Quindi paradossalmente io faccio rischiare di più mio figlio se non lo faccino piuttosto che quando lo vaccino” Lo ha detto il ministro della salute Giulia Grillo a margine di un evento elettorale in Abruzzo

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *