Inaugurazione per il cantiere del terminal di Collemaggio a L’Aquila

Partono i lavori per la realizzazione dell’ascensore che collegherà il Terminal di Collemaggio con viale Rendina. L’opera fa parte del più ampio piano di riqualificazione urbanistica che ha interessato Palazzo dell’Emiciclo e la Villa comunale dell’Aquila. La cerimonia di inaugurazione del cantiere è prevista per giovedì 29 dicembre, alle ore 10, in Viale Luigi Rendina. Saranno presenti il presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Lorenzo Sospiri, il vicepresidente Roberto Santangelo, i componenti dell’Ufficio di Presidenza e il sindaco della Città dell’Aquila, Pierluigi Biondi. Sono stati invitati, tra gli altri: Carlo Presenti, responsabile della Struttura di missione (Stm) per il sisma del 6 aprile 2009; Salvatore Provenzano, responsabile dell’Ufficio speciale per la ricostruzione dell’Aquila (Usra); Cristina Collettini, dirigente Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di L’Aquila e Teramo; Carla Mannetti, ex assessore trasporti e infrastrutture Comune dell’Aquila. L’opera pubblica è stata affidata con gara d’appalto alla ditta “Pangea Consorzio Stabile S.C.A.R.L. (Società Cooperativa a Responsabilità Limitata)” di Pescara.  L’intervento, dalla progettazione alla realizzazione, è coperto da uno stanziamento di 2.559.701 euro. Il finanziamento proviene per 1.068.792 euro dai fondi del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) e per la restante parte dal fondo complementare al PNRR. L’iniziativa è nata dalla sinergia tra il Consiglio regionale, il Comune dell’Aquila e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di L’Aquila e Teramo. Tutte le fasi dell’opera sono seguite e coordinate dalla Direzione Amministrativa del Consiglio regionale.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pescara, Avs ufficializza il sostegno al candidato sindaco Carlo Costantini

L’Alleanza Verdi Sinistra ufficializza l’adesione alla coalizione che sostiene la candidatura di Carlo Costantini a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *