Legambiente e Regione Abruzzo firmano un’intesa per lo sviluppo del turismo verde

Far crescere il turismo in Abruzzo grazie all’ambiente, avvalendosi di strumenti di eco-compatibilita’ e stimolando la collaborazione con gli enti per contribuire “a promuovere strategie di turismo sostenibile, responsabile, attivo e ambientale nei loro territori di competenza, incentivando le reti virtuose esistenti e costituende, favorendo percorsi di formazione”. Sono i punti chiave del “Protocollo d’Intesa” firmato a Vasto da Legambiente e Regione Abruzzo “per la collaborazione sulla creazione, diffusione e promozione della pratica del turismo sostenibile e del turismo attivo in Abruzzo””. L’occasione e’ stato l’arrivo in Abruzzo di Goletta Verde nell’ambito dell’annuale circumnavigazione della Penisola per monitorare le qualita’ delle acque marine e denunciare illegalita’ ambientali, inquinamento, la scarsa e inefficiente depurazione dei reflui, le speculazioni edilizie e la cattiva gestione delle coste italiane. Per la Regione era presente il vicepresidente della Giunta, Giovanni Lolli. “La firma di questo protocollo – ha detto – corrisponde a una scelta strategica per la nostra regione, utile a intercettare questa nuova domanda di turismo sostenibile, lento ed esperienziale”. Il documento sottoscritto si inserisce nel quadro nazionale “per la valorizzazione delle buone pratiche italiane di turismo sostenibile e turismo ambientale”, prodotto da Legambiente e ministero dei Beni e delle Attivita’ culturali e del turismo, di cui rafforza e valorizza gli obiettivi e le finalita’ e che fa dell’Abruzzo la regione pilota. L’iniziativa inserisce l’Abruzzo nella rete “Adventure Travel Trade Association” che serve oltre mille membri in piu’ di cento Paesi in tutto il mondo, con un interesse specifico per lo sviluppo sostenibile del turismo avventura e attivo.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

L’Aquila, martedì arrivano Draghi e il ministro Carfagna

Il presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, e il Ministro per il Sud e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *