Pescara, i consiglieri di centrodestra lanciano l’allarme sulla sicurezza

I consiglieri comunali di Pescara di centrodestra (Forza Italia, Pescara in Testa e Pescara Futura) e il capogruppo in consiglio regionale Lorenzo Sospiri, tornano a lanciare l’allarme sul problema sicurezza e sul degrado in citta’, chiedendo alla Giunta Alessandrini atti forti per dare risposte certe ai cittadini, anche con la presentazione, fra gli altri, di un emendamento, nell’ambito dell’assestamento di Bilancio, con la richiesta di spostare i 200 mila euro per il mercatino etnico all’acquisto di telecamere da installare in citta’. “Vogliamo fare chiarezza – ha detto il capogruppo in consiglio – sulla sicurezza e il degrado che ci pare evidente questa amministrazione non riesce a contrastare. Dobbiamo fare un distinguo e ricordare e ribadire che la sicurezza dei cittadini riguarda carabinieri, polizia e guardia di finanza. Il problema del degrado e’ invece di competenza della polizia municipale. C’e’ stata una delibera di Giunta per chiedere un servizio h 24, che cozza con la mancanza di uomini in organico. E allora, invece di prendere in Comune dal 1 settembre tre nuovi dirigenti, sarebbe bene che con gli stessi soldi si assumessero dieci vigili. Altri dieci – ha aggiunto Antonelli – potrebbero poi essere spostati da Palazzo di Giustizia nei servizi su strada, e infine auspichiamo che si arrivi anche all’assunzione di vigili stagionali”. Il consigliere di Forza Italia Vincenzo D’Incecco ha posto l’accento su quello che accade in pieno centro. “Nelle aree di risulta sono accampate dentro tende decine di persone che dormono e stazionano li’ 24 ore su 24. In altre vie ci sono persone che bivaccano, fanno bisogni e tanto altro. I cittadini sono esasperati. Su via De Gasperi il sindaco – ha aggiunto D’Incecco – aveva promesso delle telecamere per scoraggiare la sosta di alcune prostitute, ma tutto e’ rimasto sulla carta”. “Noi – spiega Guerino Testa – torneremo alla carica nel prossimo Consiglio per far togliere 200mila euro dal mercatino etnico e impiegare questi soldi nell’installazione di telecamere in citta’ in modo da scoraggiare chi delinque. I cittadini non si sentono al sicuro e aggiungo che il degrado che regna a Pescara non e’ piu’ sopportabile. Spendere 100mila euro per la notte bianca e lasciare la citta’ senza telecamere non crediamo sia la cosa giusta”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

L’Aquila, martedì arrivano Draghi e il ministro Carfagna

Il presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, e il Ministro per il Sud e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *