Marsilio: l’Abruzzo torni zona arancione dal 4 dicembre

“L’Abruzzo torni zona ‘arancione’ gia’ a partire dal 4 dicembre, al termine dei 15 giorni dell’ordinanza regionale con cui il territorio si e’ trasformato in zona ‘rossa’ prima della stretta del Dpcm nazionale del 22 novembre. O al massimo nel fine settimana, insieme alle altre regioni che cambieranno colore”. Lo ha chiesto il governatore Marco Marsilio al ministro della Salute Roberto Speranza, nel corso di una conferenza stampa che si e’ svolta questa mattina a L’Aquila per commentare il progetto di legge sul comparto sciistico approvato ieri in Consiglio regionale. Il Governatore ha fatto sapere di aver scritto a Speranza per chiedergli di rivedere i criteri di passaggio da un colore all’altro attraverso i dati reali e immediati. A supporto della tesi per cui l’Abruzzo “e’ gia’ da zona arancione”, Marsilio ha elencato alcuni numeri: al momento e’ occupato il 40% delle terapie intensive a fronte della media nazionale pari al 41,7%; l’Rt e’ dell’1,11% ovvero in linea con la media nazionale “e anche qui abbiamo almeno 7 Regioni che hanno condizioni peggiori”; “con una settimana – ha spiegato – siamo passati dai 682 contagi medi a 514, l’indice di ospedalizzazione e’ dello 0.59, sotto la media nazionale che e’ dello 0.61; il numero dei ricoveri e’ passato dagli 87 delle scorse settimane ai 30 dell’ultima. La pressione negli ospedali – ha proseguito Marsilio – va diminuendo. Se guardiamo le altre Regioni vediamo come il passaggio alla zona rossa fa diminuire gli accessi, quello alla zona arancione e gialla stabilizza. Questo, secondo i calcoli che abbiamo fatto potrebbe alla gestione di 400-500 positivi al giorno e in uno scenario nel quale si ipotizzi una degenza media elevata, cioe’ di 25 giorni, il numero delle persone che entrano in ospedale non dovrebbe essere superiore a quelli che ne escono”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Inaugurato cantiere Ater a Basciano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *