Presentato l’iter per il piano della sosta a Pescara

Presentato il Piano della sosta del Comune di Pescara dal sindaco Carlo Masci, dal dirigente del settore della Mobilità dell’Amministrazione, Giuliano Rossi, e da Francesca Marzetti, responsabile del servizio comunale di Pianificazione della sosta. Lo strumento sarà definito dalla società Netmobility. Il Piano è un approfondimento tematico del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) e fornisce dati aggiornati sul dimensionamento dell’offerta attraverso rilievi ed indagini estese a tutto il territorio comunale e punta a ottimizzare la regolazione e tariffazione degli spazi della sosta. Per tre settimane un questionario è disponibile sul sito del Comune. I pescaresi potranno partecipare e dare il proprio contributo di idee rispondendo al sondaggio.
“Pescara non è differente da molte altre città di media dimensione – ha sottolineato Francesco Seneci di Netmobility – tenuto conto che si parla di una realtà di 33 chilometri quadrati. Nel territorio cittadino sono presenti 40mila spazi di sosta, di cui 2198 nelle sole aree di risulta; di quest’ultimi però in media solo 1400 sono occupati giornalmente, in particolare nella parte a sud. Dall’analisi di Netmobility emerge quindi l’importanza di ridurre il così definito “traffico parassitario”, ossia quello rappresentato da chi compie molti giri nelle vie centrali alla ricerca di una piazzola su strada, e di implementare l’utilizzo delle aree di risulta. Il Piano della Sosta riguarderà l’intero territorio comunale, quindi non solo il centro ma anche le aree concentriche semicentrali, semiperiferiche e periferiche; costituisce un approfondimento tematico del Piano Urbano della Mobilità sostenibile (PUMS) e punta a ottimizzare la regolazione e la tariffazione degli spazi di parcheggio”.
Tra le strategie legate alla sosta è stata evidenziata l’importanza di dar vita a un sistema di parcheggi di attestazione e di scambio

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Scuola, scongiurato l’accorpamento classi a Caramanico e Castelvecchio Subequo

 “Ringrazio il direttore dell’Ufficio scolastico regionale Massimiliano Nardocci per la sensibilità e l’apertura al dialogo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *