Sospiri: possiamo mettere a disposizione degli abruzzesi 134 milioni per l’economia

Il presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri ha sottolineato come la Regione Abruzzo stia “impattando in maniera egregia la seconda ondata di pandemia Covid – 19, anche alla luce del nuovo DPCM del Presidente Conte, ma è necessario altresì accelerare azioni già previste nel nostro ordinamento regionale, come quelle della la legge 9 del 2020, “Misure straordinarie ed urgenti per l’economia e l’occupazione connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” e della legge 10, “Disposizioni urgenti a favore dei settori turismo, commercio al dettaglio ed altri servizi per contrastare gli effetti della grave crisi economica derivante dall’emergenza epidemiologica da COVID-19″, oltre a nuovi investimenti possibili. Pertanto – prosegue Sospiri – la maggioranza, senza indugi, produca l’atto di indirizzo da sottoporre al confronto con le opposizioni, al fine di rintracciarne il necessario sostegno”. “Durante l’estate – sottolinea ancora Sospiri – oltre alle azioni di miglioramento del nostro sistema sanitario, culminate con al realizzazione dell’ospedale Covid di Pescara, che oggi sta fornendo assistenza all’intero Abruzzo, la Giunta Marsilio ha provveduto alla riprogrammazione di 104 milioni di euro dell’FSC, senza rallentare neanche un’opera, ma assegnando un cronoprogramma di realizzazione che non tenesse risorse bloccate. Dei 104 milioni devono beneficiarne le categorie colpite dalle restrizioni del nuovo Dpcm che stanno soffrendo in modo considerevole. Possiamo immediatamente attivare un bando a sostegno delle associazioni sportive e culturali, prevedendo inoltre un contributo per l’affitto degli studenti abruzzesi fuori sede e un aumento delle misure in favore delle imprese che hanno già usufruito di finanziamento di 6 milioni di euro. 10 milioni di euro possono essere destinati al trasporto pubblico; 30 milioni di euro andranno a beneficio dei destinatari del fondo perduto, parliamo della stragrande maggioranza dei codici Ateco coinvolti dalle restrizioni del Dpcm. Un fondo – dice Sospiri – che può arrivare a 60 milioni grazie a ulteriori strumenti finanziari disponibili sul FESR. Possiamo destinare risorse alle scuole di formazione e in particolare agli istituti alberghieri che prevedono la persistenza dei convitti. Possiamo finanziare e completare opere pubbliche strategiche a sostegno del nostro sistema produttivo e turistico e, altresì, prevedere finanziamenti per il turismo montano abbattendo il costo manutentivo degli impianti. Possiamo infine – conclude Sospiri – mettere a disposizione degli abruzzesi 134 milioni”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Marsilio: l’Abruzzo torni zona arancione dal 4 dicembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *