Addizionali Irpef e Irap per il debito sanitario, le associazioni chiedono lo stop

Ben 17 sigle associazioni e forze economiche si sono unite per chiedere lo stop all’applicazione delle addizionali regionali applicate su Irpef e Irap imposte diversi anni fa agli abruzzesi per risanare il deficit del sistema sanitario attraverso le cartolarizzazioni.

Luca Mazzali, presidente di Aci (Alleanza Cooperative Abruzzo) ha sottolineato che “queste addizionali erano state inserite in seguito alla crisi sanitaria che aveva investito la nostra regione, ma quest’anno termina il tempo previsto per questa mista e quindi ad oggi c’e’ nelle mani della Regione la possibilita’ di intervenire recuperando fino a 110 milioni di euro considerando la parte di gettito che va a ricadere direttamente sui lavoratori e sulle imprese”. “Noi riteniamo – ha detto Mazzali – che ormai in un momento come l’attuale ci sia un importante strumento nelle mani della Regione per poter intervenire. Aggiungo anche che proprio in linea con la conferenza di ieri sera del presidente Draghi che appunto prendendo atto della forte pressione che c’e’ sui lavoratori e ha deciso degli interventi straordinari, direi che perfettamente in linea con questa linea del Governo ci potrebbe essere questa iniziativa da parte della nostra Regione. Questa sarebbe una misura che andrebbe ad alleggerire la pressione fiscale sui lavoratori e sulle imprese. Abbiamo stimato che per un lavoratore medio loro di 25mila euro il recupero sarebbe di circa 400 euro netti l’anno. E se pensiamo che ieri sera il Governo ha deciso una misura straordinaria di 200, questo sarebbe un grande contributo che arriverebbe per la nostra regione. Chiaramente l’impatto Irap e’ minore, ma va su tutto la platea di tutti i dipendenti e per aziende di medie e grandi dimensioni avrebbe effetti importanti”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Inail, 698.000 infortuni e 1.090 morti nel 2022

Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Inail nel 2022 sono state 697.773 (+25,7% rispetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *