Barriere dell’autostrada A14, le criticità emerse dalla relazione dei magistrati

Il Mit ha eseguito, fin dal 2018, tre visite ispettive sul viadotto Cerrano dell’A14, tra i caselli di Pescara Nord e Pineto, accertando “criticità” in materia di sicurezza. E’ quanto emerge dal provvedimento – i cui passaggi salienti sono stati diffusi dall’agenzia di stampa Ansa – con il quale il gip del Tribunale di Avellino ha imposto il divieto assoluto ai mezzi pesanti di transitare nel tratto autostradale in questione. Il primo sopralluogo e’ stato effettuato il 19/9/2018, gli altri due il 5 luglio e il 25 novembre scorsi; alle visite ha fatto seguito una riunione del 26 novembre. Intanto oggi Aspi doveva consegnare al Mit una nuova relazione sulla struttura, ai fini dell’eventuale riapertura ai mezzi pesanti su sollecitazione dei territori e della Regione Abruzzo, visto il caos che si e’ creato sulla viabilita’ ordinaria. Nel provvedimento il giudice, citando una nota dell’Ufficio ispettivo territoriale di Roma del Mit, sottolinea che “non e’ ancora pervenuta all’Uit, ‘sebbene gia’ richiesta nel 2018, la necessaria documentazione che dimostri il raggiungimento di adeguati standard di sicurezza in relazione alle criticita’ segnalate nel corso delle visite eseguite”.

“In particolare – scrive il gip – erano stati ‘riscontrati ammaloramenti avanzati, costituiti da ossidazione delle parti metalliche e deformazione di singoli componenti delle cerniere di taglio’, mentre il progetto di risanamento presentato da Autostrade per l’Italia al competente Ufficio del Genio civile per la prescritta autorizzazione sismica, era stato ‘oggetto di osservazioni e richiesta di chiarimenti che di fatto hanno sospeso l’iter autorizzativo in parola. Di conseguenza, anche gli interventi provvisionali ipotizzati dalla societa’ concessionaria ‘per il tempo strettamente necessario alla disinstallazione e conseguente manutenzione delle cerniere presenti, non possono ritenersi adeguati almeno sino a quando non sara’ acquisito il richiamato parere antisismico’”. 

Ancora Tir incolonnati e nove chilometri di coda, sull’autostrada A14, in direzione Nord, in uscita al casello di Citta’ Sant’Angelo – Pescara Nord a causa dell’interdizione ai mezzi pesanti del tratto compreso tra Pescara Nord e Atri Pineto, su disposizione del gip del Tribunale di Avellino. Traffico anche sulla strada statale 16 tra Citta’ Sant’Angelo e Pineto. Sempre come conseguenza dei provvedimenti dell’autorita’ giudiziaria resta chiusa la stazione di Roseto degli Abruzzi in uscita per chi proviene da nord e in entrata per chi e’ diretto verso Nord. Il casello e’ bloccato dal 7 dicembre scorso. Monitora la situazione viabilita’ il Centro operativo autostradale (Coa) di Citta’ Sant’Angelo

Il transito dei tir sulla statale 16 Adriatica ha creato e sta creando danni al manto stradale nel territorio comunale di Silvi. Lo ha detto il sindaco del Comune costiero, Andrea Scordella. “Come Comune siamo nell’impossibilita’ di gestire, con le risorse economiche che abbiamo, una manutenzione della SS 16 di questo livello che ha carattere straordinario, e per questo chiederemo i danni. Abbiamo chiesto ad Autostrade l’apertura di una polizza fideiussoria per i danni subiti”. Diversi pozzetti della statale Adriatica sono stati danneggiati e nel weekend appena trascorso il Comune di Silvi ha gia’ speso oltre diecimila euro per lavori stradali. Intanto si attende il pronunciamento del ministero Infrastrutture e Trasporti e dell’Autorita’ giudiziaria sull’eventuale riapertura dell’A14 al traffico pesante nel tratto attualmente interdetto, tra i caselli Citta’ Sant’Angelo-Pescara Nord e Atri-Pineto

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Cgia, il Governo dovrà trovare 40 miliardi in 100 giorni

“Senza approvare alcuna misura promessa in questa campagna elettorale, il nuovo Governo dovra’ comunque trovare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.