Blitz dei carabinieri in Regione Abruzzo, sequestrati dei documenti

In un clima di stretto riserbo e con gli inquirenti e gli investigatori con le bocche cucite, emergono i nomi dei sette indagati in uno dei tre filoni di indagine, quello sull’appalto sulla ristrutturazione di Palazzo Centi, sede della Giunta abruzzese all’Aquila, danneggiata seriamente dal terremoto del 6 aprile 2009, dell’inchiesta della procura dell’Aquila che ha colpito la Regione Abruzzo. Nel filone di Palazzo Centi finisce il capo della segreteria di D’Alfonso, Claudio Ruffini, che nella passata legislatura e’ stato consigliere regionale del Pd. Poi, l’imprenditore Eugenio Rosa, amministratore delegato di Icet Engineering di Castelli, che e’ arrivata terza nella gara, i tre componenti della commissione di gara, i funzionari regionali Giancarlo Misantoni (presidente), l’architetto Roberto Guetti e l’ingegnere Silverio Salvi. Sotto indagine anche due progettisti: Gianluca Marcantonio, nominato nell’agosto del 2016 componente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, e un mese fa entrato nel Comitato tecnico scientifico della struttura del commissario per la ricostruzione in Centro Italia, Vasco Errani. Indagato anche l’altro progettista, Alessandro Pompa. Per i sette le ipotesi di reato sono corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio. Secondo quanto si e’ appreso, la Procura contesterebbe in particolare pressioni per la scelta dei nomi in commissione e anche il fatto che i progettisti avrebbero avuto gli elaborati progettuali quattro mesi prima del bando di gara. Degli altri due filoni delle indagini – uno a Penne  e un altro a Pescara per lavori preventivati su case popolari – curate da Carabinieri e Polizia di Stato, non si conoscono tutti gli indagati: e’ emerso solo che sono indagati D’Alfonso, come sottolineato da lui stesso in un comunicato, e per quanto riguarda l’appalto per le case Ater di Pescara, Marcantonio.

 

**************

 

Nell’ambito di un’inchiesta della procura della Repubblica dell’Aquila, il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, e’ indagato per corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio. Secondo quanto si e’ appreso, il governatore e’ coinvolto insieme a un’altra quindicina di persone tra funzionari e imprenditori. In corso perquisizioni anche domiciliari in diverse citta’ d’Abruzzo, dopo quella negli uffici regionali di palazzo Silone. Oltre che dai Carabinieri, l’indagine e’ portata avanti anche dalla Polizia di Stato.

“Questa mattina ho appreso che e’ in corso una verifica del mio operato da parte della procura della Repubblica di L’Aquila per tre distinte vicende. Ritengo che la mia posizione sia assolutamente estranea a qualsivoglia fattispecie di reato e auspico un espletamento rapidissimo di ogni indagine”. Lo ribadisce il governatore dell’Abruzzo, Luciano D’Alfonso. “Ho fiducia nell’operato della magistratura cosi’ come ne avevo in passato – dice – quando e’ stata sempre accertata la liceita’ delle mie condotte amministrative.

In una nota successiva è stato precisato che “il Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso ha ricevuto questa mattina due richieste di proroga delle indagini: una riguardante la città di Penne (iscritta nel registro delle notizie di reato in data 18/11/2015) e una per lavori – solamente preventivati – alle case popolari Ater di Pescara (iscritta nel registro delle notizie di reato in data 8/7/2016). Contestualmente è stato recapitato un altro documento (“Ordine di esibizione di atti e documenti”) con il quale è stato notificato alla Regione Abruzzo che è in corso un procedimento penale sul cantiere di Palazzo Centi a L’Aquila nei confronti di 7 persone, in ordine alle quali si è compiuta acquisizione documentale; tra queste non compare il nome di Luciano D’Alfonso”. 

“D’Alfonso non e’ indagato per la vicenda dell’appalto per la ristrutturazione di Palazzo Centi, danneggiato dal sisma del 2009, credo sia coinvolta la commissione di gara, lo e’ invece per le case popolari a Pescara”. Cosi’ il vicepresidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli, sull’inchiesta della Procura dell’Aquila su tre appalti gestiti dalla Regione che ha portato stamani al sequestro di una copiosa documentazione a Palazzo Silone, sede della giunta regionale all’Aquila, e di perquisizioni, anche domiciliari, in diverse citta’ d’Abruzzo. Ad indagare sono carabinieri e polizia. Il presidente D’Alfonso e’ indagato con ipotesi di accusa di corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio. Insieme a lui una quindicina di persone, tra cui tecnici e funzionari regionali e imprenditori. “Le tre inchieste non riguardano il vertice politico, sono convinto che per la commissione di gara di Palazzo Centi, e per i due appalti di Penne e Pescara, sia stato fatto un buon lavoro, salvo quanto accertera’ la magistratura sulla quale abbiamo molta fiducia”, ha chiarito Lolli.

***************

 

Blitz dei carabinieri a palazzo Silone all’Aquila, sede della Giunta regionale. E’ stato eseguito un sequestro di documenti relativo alla gara per l’affidamento della ricostruzione di palazzo Centi, sede della presidenza nel centro storico del capoluogo resa inagibile dal terremoto del 6 aprile 2009. I militari, secondo quanto appreso, hanno occupato l’intero settore Patrimonio. Dopo un lunghissimo iter, nei mesi scorsi la gara per l’appalto pubblico da 13 milioni di euro e’ stata aggiudicata alla ditta Edil Costruzioni Generali Srl di Isernia.

Piu’ di 20 i carabinieri impegnati nell’ambito dell’operazione di polizia giudiziaria. L’inchiesta e’ coordinata dalla procura della Repubblica del capoluogo abruzzese. La mole di documenti sequestrati per essere esaminati dagli inquirenti sarebbe copiosa. L’appalto pubblico da 13 milioni di euro, contraddistinto da molte lungaggini, cui hanno preso parte 29 grandi imprese edili, e’ stato aggiudicato alla ditta Edil Costruzioni Generali Srl di Isernia un ribasso del 35,017 per cento. Nei giorni scorsi l’amministrazione aveva dato l’ok alla congruita’ degli atti di gara, compreso il ribasso stesso.

“Mi dichiaro totalmente estraneo alle vicende e auspico una loro rapidissima definizione”. Cosi’ – in una nota – il presidente della Giunta regionale dell’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, in merito al sequestro, da parte dei Carabinieri, di documenti sulla gara da 13 milioni di euro per l’affidamento della ricostruzione di palazzo Centi, sede della presidenza nel centro storico del capoluogo resa inagibile dal terremoto del 6 aprile 2009. Nella mattina di oggi, riferisce poi nella nota D’Alfonso, “sono stati comunicati atti di proroga di indagini penali che vanno avanti dal novembre 2015 con rinnovi semestrali. Gli argomenti per i quali sono state individuate ipotesi di reato sono: il cantiere dei lavori di Palazzo Centi a L’Aquila; un intervento non ancora precisato riguardante la citta’ di Penne; interventi – al momento solo quantificati e ipotizzati come priorita’ a seguito di legittime pressioni e denunce dei cittadini – di rigenerazione e manutenzione ordinaria e straordinaria delle case popolari in via Caduti per servizio e in via Salara Vecchia a Pescara.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

A ottobre gli occupati in Italia calano lievemente rispetto a settembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *