Gasdotto Sulmona – Foligno, i Comitati chiedono lo stop centrale

“Il ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica ha pubblicato i dati dei consumi di gas da gennaio a ottobre: 48 miliardi e 544 milioni di metri cubi, quasi sette miliardi in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno quando furono 55 miliardi e 427 milioni di metri cubi. Si tratta di un vero e proprio crollo rispetto al 2022 quando, alla fine dell’anno, i consumi di gas si fermarono a 68 miliardi e 524 milioni di metri cubi. Ma già il dato del 2022 è stato clamoroso: 7 miliardi e mezzo in meno rispetto al 2021. Con un simile quadro, che non lascia adito a dubbi – concludono i comitati – è del tutto irragionevole insistere con la realizzazione della centrale di Sulmona e del metanodotto Snam Linea Adriatica: un progetto concepito vent’anni fa, ma che oggi non ha alcuna ragione di esistere”. Lo affermano i Comitati Cittadini che a Sulmona continuano, fermi e decisi, nella loro battaglia contro la realizzazione della centrale di compressione in località Case Pente e del metanodotto Snam Linea Adriatica. “La discesa dei consumi di gas non riguarda solo l’Italia, ma l’intera Europa – incalzano gli ambientalisti – Se da noi la riduzione, nei primi dieci mesi dell’anno, è stata pari al 12,4 per cento, la media europea nello stesso periodo è stata del 16,9 per cento. Il che conferma la illusorietà di trasformare l’Italia in un hub europeo del gas”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Incidente stradale sull’autostrada A24, un morto e tre feriti

Un morto e tre feriti in un grave incidente stradale che si e’ verificato intorno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *