Il settore dell’agriturismo dimostra una buona tenuta anche in tempi di pandemia

Il settore dell’agriturismo dimostra una buona tenuta anche in tempi di pandemia: nel 2021, secondo il rapporto su “Le aziende agrituristiche in Italia” pubblicato da Istat, le strutture attive sono 25.390, in crescita dell’1,3% rispetto al 2020. E la crescita maggiore è nelle Isole (+8,2%) e al Sud (+1,5%). Il 63,3% dei comuni italiani ospita almeno una di queste strutture ricettive, ma si arriva a oltre il 98% in Toscana e in Umbria. Nel dettaglio i comuni con almeno 100 di queste strutture sono 11: Appiano sulla Strada del vino, Assisi, Caldaro sulla Strada del vino, Castelrotto, Cortona, Grosseto, Manciano, Montalcino, Montepulciano, Noto, San Gimignano. Inoltre, secondo dati Istat, le aziende condotte da donne sono 8.762, il 34,5% del totale, anche in questo caso in aumento del’1,3% rispetto al 2020. Complessivamente nel 2021 gli arrivi hanno superato i 3 milioni. La riapertura delle frontiere ha permesso di registrare un incremento del 68% degli agrituristi stranieri rispetto all’anno precedente, per un comparto che ha visto crescere il valore alla produzione agrituristica a 1.162 milioni di euro, rialzando la china del 44,8% rispetto al 2020 in termini di valore economico delle aziende agrituristiche ma rimanendo ancora sotto il livello pre-pandemia del 2019 (-26%). Poco più della metà del valore economico è generato dalle aziende agrituristiche del Nord, in particolare quelle del Nord-Est (39,3%). Il contributo del Centro e del Mezzogiorno è pari rispettivamente al 37,5% e al 12,2%. La produzione agrituristica, conclude il rapporto Istat, contribuisce per il 3,3% alla formazione del valore economico dell’intero settore agricolo, nel quale le aziende agrituristiche incidono per il 2,2%.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Le famiglie abruzzesi a dicembre spenderanno 470 milioni di euro per Natale

Le famiglie abruzzesi a dicembre spenderanno 470 milioni di euro per prodotti e servizi tipici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *