Inflazione, nel 2022-2023 persi 164 di miliardi di risparmi delle famiglie. I dati dell’Abruzzo

Le famiglie italiane, per fronteggiare l’inflazione record, metteranno mano ai risparmi e i depositi subiranno una “sforbiciata” di 163,8 miliardi di euro nel biennio 2022-2023. E’ quanto emerge da un’elaborazione dell’Ufficio studi della Cgia che ipotizza che i 1.152 miliardi di euro presenti nei conti correnti bancari non registrino alcuna variazione nell’arco temporale preso in considerazione, e che prevede che nel biennio l’inflazione crescera’ di quasi il 15 per cento (+8,1 l’anno scorso e +6,1 quest’anno). Una sorta di “patrimoniale” da quasi 164 miliardi di euro che a ogni singolo nucleo familiare “costerà” mediamente 6.338 euro. A livello territoriale, nel biennio 2022-2023 il costo piu’ salato lo soffriranno le famiglie delle regioni piu’ ricche: in Trentino Alto Adige la perdita di potere di acquisto medio sara’ pari a 9.471 euro, in Lombardia di 7.533, in Emilia Romagna di 7.261 e in Veneto di 7.253. A livello provinciale, invece, saranno colpite, in particolar modo, le famiglie residenti a Bolzano, che subiranno un prelievo medio di 10.542 euro. Seguono Milano con 8.500, Trento con 8.461, Lecco con 8.201 e Treviso con 7.948. Le famiglie meno “colpite”, invece, saranno quelle in provincia di Siracusa con 3.842 euro, Trapani con 3.595 e Crotone con 3.130.

Per quanto riguarda l’Abruzzo, L’Aquila è al 41mo posto con le famiglie che hanno perso in media 6.520 euro, seguita da Chieti al 46mo posto con la perdita media di 6.353 euro, Pescara al 60mo posto con la perdita media di 6.025 euro, Teramo chiude al 69mo posto con una perdita di 5.753 euro a famiglia.

A distanza di oltre 30 anni, molti ricordano ancora con grande sdegno il prelievo straordinario del 6 per mille applicato dall’allora Governo Amato sui conti correnti degli italiani. Nella notte tra il 9 e il 10 luglio del 1992, infatti, quella misura costo’ alle famiglie italiane 5.250 miliardi di lire, ovvero 2,7 miliardi di euro. Attualizzando questo importo, il prelievo si attesta a 5,3 miliardi di euro; praticamente un “sacrificio” economico 31 volte inferiore a quello stimato dall’Ufficio studi della Cgia (163,8 miliardi di euro) nel biennio 2022-2023. Secondo l’associazione degli artigiani, ora le banche devono alzare gli interessi sui depositi. Se 14 anni fa il tasso attivo era dello 0,75 per cento, 2 mesi fa si e’ attestato allo 0,12 per cento, “provocando” uno svantaggio per il risparmiatore dello 0,63 per cento. In altre parole, a fronte di 10 mila euro depositati nel conto corrente, rispetto al 2009 ci troviamo con 63 euro in meno in un anno. Se, come sostengono molti esperti, entro la fine del 2023 il tasso salisse al 4 per cento, raggiungendo lo stesso livello toccato tra il luglio 2007 e il giugno 2008, sui nostri ipotetici 10 mila euro depositati in banca perderemmo 107 euro. Non si tratta di cifre importanti, tuttavia, osserva la Cgia, se le banche tornassero a riconoscere un leggero aumento dei tassi attivi sulle somme libere depositate nei conti correnti, la clientela potrebbe almeno coprire i costi fissi. Cosa, invece, che e’ stata praticata dagli istituti sulle somme vincolate, anche se, molto spesso, per tantissimi correntisti districarsi tra un “mare” di offerte e’ estremamente difficile. Uno sforzo economico, quello che dovrebbero sostenere le banche se ritoccassero all’insu’ i tassi sui risparmi non vincolati, tranquillamente sostenibile, visto che nell’ultimo anno le cose sono andate molto bene.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Report Polizia, aumenta il numero dei maltrattamenti contro familiari e conviventi

La violenza di genere in famiglia aumenta così come i reati per la costrizione al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *