Martina: 811 allevatori abruzzesi hanno ricevuto un indennizzo zootecnico straordinario

“Se vogliamo parlare del futuro dell’Italia, dobbiamo costruire strumenti nuovi, utili ad interpretare i problemi strutturali che investono il sistema agricoltura, come il cambiamento climatico”. Lo ha dichiarato il Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, nell’ambito di un convegno ad Avezzano, sul tema “Al lavoro per la nostra Terra”. Il Ministro ha evidenziato l’intervento del suo dicastero nelle ultime calamita’ naturali, in Abruzzo, relative ai cambiamenti climatici. “Posso tranquillamente annunciare – ha continuato il vicesegretario del Partito Democratico – che 811 allevatori abruzzesi hanno ricevuto un indennizzo zootecnico straordinario per un totale di oltre 5 milioni di euro, e posso dire che a questa somma siamo pronti ad aggiungere un milione e settecentomila euro”.

“Il problema del cambiamento climatico e’ diventato un elemento strutturale, ed e’ evidente che gli strumenti che abbiamo non bastano per fronteggiarlo. Per questo, continuare a sostenere di poter intervenire, nel 2018, con il fondo nazionale di solidarieta’, e’ una presa in giro. Stiamo lavorando con le Regioni – ha ribadito Martina – per avere strumenti nuovi, che gestiscano in anticipo fasi di calamita’, fondati non piu’ su indennizzi, ma su un meccanismo assicurativo. Ma siamo all’inizio di questo lavoro”.

“Abbiamo fatto tutto questo lavoro sulla tracciabilita’ di alcune filiere fondamentali e sulle etichette perche’ sappiamo che un pezzo fondamentale della redditivita’ dei piccoli agricoltori si puo’ garantire se il cittadino-consumatore sugli scaffali conosce tutto sul prodotto”. Cosi’ il ministro Maurizio Martina. “La tutela del reddito degli agricoltori – ha continuato Martina – passa per il nuovo rapporto con il cittadino consumatore, e sappiamo che l’esperienza di nicchia, quando lavora bene, e’ una potenza sui mercati. L’esempio – ha specificato – e’ in relazione all’etichetta sul latte: da quando e’ in uso, i prezzi, anche grazie a questo, sono migliorati”. “Tutte queste iniziative – ha sottolineato Martina – sono state possibili grazie ad Expo. Abbiamo utilizzato un volano del genere per costruire un pezzo di strategia di politica agricola, che ci ha consentito di approvare la detassazione agricola e la tracciabilita’ su alcune nostre filiere fondamentali, come quella del grano, che in queste ore si rende obbligatoria”. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Lavoro, occupati in calo di 28mila unità

Tra il quarto trimestre 2021 e il primo del 2022 gli occupati in Abruzzo subiscono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.