Stop al gender pay gap vale fino a 11,2 trilioni di dollari nei Paesi G20

Chiudere il gender pay gap e raggiungere lo stesso tasso di occupazione tra uomini e donne potrebbe generare un impatto economico annuale fino a 11,2 trilioni di dollari nei Paesi G20 più la Spagna – pari al 14% del PIL del G20. Per raggiungere l’obiettivo del tasso di occupazione, dovrebbero essere impiegate 432,9 milioni di donne in più. E’ la stima dello studio di European House – Ambrosetti.

The European House – Ambrosetti ha lanciato un Osservatorio permanente e indipendente sull’empowerment femminile nei Paesi del G20 più la Spagna (inclusa come ospite permanente del G20) – in partnership con A2A, ABB, British American Tobacco (BAT), Invesco, Gruppo Mondadori, Oracle e Gruppo Pictet; e con il contributo delle Special Advisor Arancha Gonz lez Laya (Rettrice della Scuola di Affari Internazionali di Parigi, Sciences Po) e Minouche Shafik (Rettrice della London School of Economics and Political Science). I risultati della prima edizione dell’Osservatorio sono stati presentati oggi da Arancha Gonz lez Laya in occasione della 48ª edizione del Forum di The European House – Ambrosetti.

Lo studio evidenzia come il raggiungimento dell’uguaglianza di genere e l’avanzamento dell’empowerment femminile non siano solo una questione di diritti, ma anche un passo fondamentale verso il raggiungimento di uno sviluppo sostenibile – sia in termini di uguaglianza sociale che di crescita economica e competitività dei Paesi.Oggi, nonostante gli sforzi compiuti da molti Paesi in questo campo, persiste nel globo una generale mancanza di meccanismi di valutazione e di accountability per quanto riguarda l’empowerment femminile. In questo contesto, l’Osservatorio, le cui attività sono state accompagnate dai Governi italiano e spagnolo, punta a misurare i progressi nel campo dell’empowerment femminile e a sistematizzare le best-practice – concentrandosisul principio di accountability e sulla misurazione degli impatti sociali, economici e culturali.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Dal primo ottobre arriva la patente a punti per la sicurezza sul lavoro

Dal 1° ottobre 2024 scatta l’obbligo di possedere la patente a punti per le imprese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *