I pagamenti elettronici continuano ad aumentare in Italia

I pagamenti elettronici continuano ad aumentare ma l’Italia resta ancora indietro rispetto agli altri Paesi. Lo ha detto il direttore generale del Tesoro, Alessandro Rivera, al workshop conclusivo del progetto National Strategy to Promote Electronic Payments in Italy, realizzato dalla Direzione V del Dipartimento del Tesoro, con il supporto della Direzione Generale per il Sostegno alle Riforme Strutturali della Commissione Europea e che ha visto la consulenza tecnica di KPMG Advisory. “Per numero di transazioni con pagamenti digitali” ha precisato Rivera, “l’Italia e’ ancora agli ultimi posti” rispetto agli altri Paesi europei anche se ci sono “miglioramenti”.

“Tra le economie che piu’ dipendono dal contante siamo infatti passati dal 28/mo posto nel 2020 al 33/mo – ha aggiunto – Tuttavia c’e’ ancora molto lavoro da fare per avanzare in questa graduatoria”. Rivera ha quindi ricordato i dati rilevati da Bankitalia che mostrano nel primo semestre del 2021 rispetto al 2020 un incremento del 46,42% in volume e del 27,79% degli importi e “la crescita e’ proseguita anche nel periodo luglio-settembre con un analogo incremento in volumi e importi”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Convegno dell’Associazione Urologi Italiani a Villa Serena sul ruolo della medicina personalizzata

Focus sull’applicazione della medicina personalizzata in ambito urologico nell’ambito del convegno regionale (Abruzzo, Marche, Umbria …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.