Mobilità, Tua acquisisce il ramo gomma della Sangritana

Dopo l’approvazione del progetto di legge che prevede l’acquisizione da parte di TUA del ramo di azienda relativo ai servizi di trasporto a mercato di gomma di Sangritana il consigliere regionale Mauro Febbo ha dichiarato che “Con il provvedimento approvato oggi in Consiglio regionale si procedera’ a un’operazione che permette a Sangritana spa di recuperare risorse, pari a circa 2 milioni di euro, che potranno essere impiegate per l’attivita’ principale della cargo che si concentra soprattutto nell’area industriale della Val di Sangro. Infatti, dall’analisi dei report interenti l’attivita’ di trasporto merci su rotaia emerge un aumento del fatturato cargo che passa da 5.281.520 euro del 2019 a oltre 7 milioni del 2020 con una previsione di circa 10 milioni nel 2021. Nel 2020 inoltre l’EBITDA e’ pari a 1,6 milioni di euro pari circa il 20% del fatturato. Oltre alla Pescara – Roma (esercitata in pool con Di Fonzo e Di Febo Capuani) Sangritana opera anche sulle linee Sulmona – Roma, Avezzano – Roma e Pescara – Napoli. Inoltre, con questa operazione Tua beneficera’ dell’immissione in servizio di mezzi semi-nuovi, che integreranno il parco autobus in corso di rinnovo con riduzione dei costi di consumo e manutenzione. I mezzi eccedenti saranno utilmente impiegati sulle linee TPL a lunga percorrenza e i conducenti in esubero saranno destinati alla copertura dei turni o delle residenze in carenza di personale. Tale azione permettera’ un considerevole risparmio a livello consolidato di gruppo. La Regione Abruzzo, nell’ambito della nuova programmazione sta sviluppando interventi utili alla realizzazione di quelle infrastrutture necessarie al trasporto su ferro che prevedono treni e linee fino a 650 metri, oggi sono 250, con snodi merci in contrada Saletti a Fossacesia e soprattutto con l’obiettivo di intercettare l’interscambio con la Polonia anche attraverso l’interporto di Manoppello”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Donne retribuite in media il 31% in meno degli uomini

Resta forte in Italia il gender gap nelle retribuzioni. Stando ai dati dell’Inps secondo cui …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *