Come sarà il mondo? Il futuro visto dai protagonisti

Il più grande esercizio di crowd foresight & writing mai tentato fino ad ora. Perchè non partecipi anche tu?
Info: www.epoi.eu; epoi.futuro@gmail.com.
Ideato da Andrea Segre* e Ilaria Pertot**, promosso dalle Università di Bologna e di Trento, e patrocinato da Enti ed Istituzioni tra cui il Parco Nazionale della Majella, si tratta di un format del tutto nuovo, che prevede un esercizio di immaginazione del futuro (dove i partecipanti si immaginano in sette scenari) e il completamento di un racconto con un finale scritto dai lettori.
Più specificatamente è un esercizio di:
•immaginazione del futuro (foresight)
•scrittura (writing)
•didattica innovativa (innovative learning)
•educazione alla sostenibilità degli stili di vita (education)
che ha l’obiettivo di stimolare l’adozione di pratiche di produzione sostenibile e corretti stili di vita e che vuole aiutare le persone a riflettere sul futuro, con una modalità nuova.
I finali migliori verranno premiati in un evento al Muse di Trento il 5 giugno 2021 e pubblicati nel libro cartaceo che uscirà ad ottobre 2021.
Il progetto e il suo sviluppo sono visibili sul sito www.epoi.eu, da dove si può scaricare gratuitamente il libro: “A che ora è la fine del mondo. Scivolando verso il futuro” (Edizioni Ambiente), un racconto che si svolge in un ghiacciaio alpino dove il cambiamento a partire dal clima è ancora più percepibile. Il finale è aperto e proiettato al futuro tutto da immaginare. Info: epoi.futuro@gmail.com.
*Professore ordinario di Politica agraria internazionale e comparata all’Università di Bologna. Fondatore e presidente di Last Minute Market, spin off accreditato dell’Università di Bologna, ha ideato la Campagna Spreco Zero per la prevenzione dello spreco. Ultimi saggi: Le parole del nostro tempo (dialogo con il card. Matteo Zuppi, EDB 2020); Il metodo spreco zero (BUR, Rizzoli 2019), Il gusto per le cose giuste (Mondadori 2017).
**Professore ordinario di Patologia vegetale all’Università di Trento, dirige dal 2017 il Centro Agricoltura Alimenti Ambiente, nato da un’iniziativa congiunta con la Fondazione Edmund Mach; esperta a livello internazionale di produzione agricola sostenibile, lavora da più di trent’anni nella ricerca di biopesticidi; autrice di numerosi articoli scientifici e tecnici e di manuali specialistici del settore.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Case AIL, una realtà concreta per garantire, grazie ai lasciti solidali,  assistenza socio-sanitaria ai malati con tumore del sangue

Migliorare la qualità della vita dei malati e delle loro famiglie: questo è l’obiettivo che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *