Giuseppe Tontodonati: la poesia e l’impegno civile

di Raffaello Tontodonati


In occasione del 21 marzo “Giornata Mondiale della Poesia”, mi piace ricordare l’impegno “politico” di mio padre, il poeta Giuseppe Tontodonati (Scafa 1917- Bologna 1989), che nelle sue poesie ha sempre trattato degli avvenimenti nella nostra società denunciandone violenze, soprusi e malcostume.

Di seguito tre sonetti. I primi due indicativi del suo impegno civile, il terzo è una lirica d’amore

 


 1861-2021. Il 17 marzo 2021 abbiamo festeggiato il 160° anniversario dell’Unità d’Italia

Nel volume postumo di poesie di Giuseppe Tontodonati “Da Lu Piccule Resurgemende a Porte Pije – L’Abruzzo dai moti carbonari all’Unità d’Italia, fino al brigantaggio post unitario” , edito nel 2011 da Consiglio Regionale della Regione Abruzzo all’interno delle manifestazioni per i 150 dell’unità d’Italia, è contenuta una poesia inedita dedicata alla breccia di Porta Pia, immortalata nel famoso quadro del pittore Michele Cammarano (1871)

PORTA PIJE

Cend’anne d’unetà! De Porta Pije

ci reste famòse de Cammarane

la càreche, chemmòstre all’itagliane

ca lli tìmbe ngistèvene cunije

ma l’ùmmene nghettànde di cipije

ca renghiùse la curija rumane

senza duvè fa li sacrestane

gna fa sti ssciagurate di li fije.

E’ vveramende bbuffe le distine

retruvarse a cend’anne dall’assalde

vassalle de le state papaline.

Gluriosa Repubblica Capituline

de Manare Mamele e Garebbalde

e lu prufete itàleche Mazzine !

Giuseppe Tontodonati, Bologna, 20 Settembre 1970

Porta Pia – Cent’anni di unità ! Di Porta Pia / ci resta famosa di Cammarano / la carica che mostra agli italiani / che a quei tempi non c’erano conigli //ma uomini con tanto di cipiglio / che rinchiusero la curia romana / senza dover fare i sacrestani / come fanno questi sciagurati di figli. // E’ veramente buffo il destino / ritrovarsi a cent’anni dall’assalto / vassalli dello stato papalino. // Gloriosa Repubblica Capitolina // di Manara, Mameli e Garibaldi // e del profeta italico Mazzini.

(traduzione in italiano a cura di/translated by Raffaello Tontodonati)


SIAMO TUTTI FRATELLI

Contenuta all’interno del volume “Giuseppe Tontodonati un poeta nella Bologna del secondo ‘900” (Raffaello Tontodonati, 2020), questa poesia scritta dopo circa sei anni dal trasferimento di Tontodonati da Pescara a Bologna, affronta quello che in quegli anni era un tema che era esploso nella sua durezza e a volte drammaticità e cioè il problema della grande migrazione dei lavoratori/disoccupati del sud povero e arretrato verso il nord Italia ricco e in pieno boom economico. Spesso arrivare al nord con un accento meridionale era una condanna che si pagava subendo sfottò, battute razziste e ghettizzazione. Per fortuna non andò sempre così, ma chi l’ha vissuto ricorda bene quel periodo. Purtroppo, quello che era riferito al difficile rapporto Nord-Sud dell’Italia di quegli anni e a tutti gli italiani che in quegli anni e negli anni precedenti emigrarono all’estero, è ancora vivo nelle dinamiche Nord-Sud del mondo di oggi, come ci ha ricordato anche Papa Francesco nella sua recente enciclica “Fratelli tutti”, ed è per questo che, a mio parere, questa poesia scritta in dialetto abruzzese e il messaggio che contiene è più attuale che mai.

SEME TUTTE FRATILLE

Queste è n’umagge che fa’ n’abbruzzese

a sta’ Bulogne, patrije a la seconne;

a la città cchiù dotte de lu monne,

cà sempre celebrate stù paese.

Perciò, nate a le Scafe, bulugnese

so’ deventate, proprije a lu prufonne.

La patrije è ddo’ si vive, je risponne

sempre, a chi parle pe’ partite prese.

Jetteme l’acque sopra le fiammate

che divide stà terra puverelle,

che tutte da na mamme seme nate.

Tu che stì ‘ccape, aiute lu fratelle

cà nate a ppite, mene fortunate;

scurdenne lu culore della pelle.

Giuseppe Tontodonati, Bologna, 23 dicembre 1965

SIAMO TUTTI FRATELLI
Questo è un omaggio che fa un abruzzese / a questa Bologna, la seconda patria; / alla città più dotta al mondo, / che ha sempre celebrato questo paese. // Perciò, nato a Scafa, bolognese / sono diventato proprio nel profondo. / La patria è dove si vive, io rispondo / sempre, a chi parla per partito preso. // Buttiamo l’acqua sopra le fiammate / che dividono questa povera terra / che tutti da una mamma siamo nati. // Tu che stai in cima, aiuta il fratello / che è nato in basso, meno fortunato / scordando il colore della pelle.

Traduzione / translated by Raffaello Tontodonati

La poesia è denuncia civile ma è anche messaggera di amore e di speranza


Questa lirica in lingua è pubblicata nel volume postumo “Poesie Inedite di Giuseppe Tontodonati” a cura di Vittoriano Esposito (Collana di Studi Abruzzesi, Regione Abruzzo, 1993), l’omaggio della Regione Abruzzo alla figura del poeta Giuseppe Tontodonati a pochi anni dalla sua scomparsa.

RIMANI

fuga di stelle

universo

mattino

ancora per poco

rimarrà l’innocenza

di questo canto

sulla soglia dell’orizzonte

fragrante di pudore

sul grande mare

aria smerigliata d’azzurro

fruscio di seta

morbidezza di colori

silenzio

l’attesa

con le sue braccia di porpora

cancella

l’umido sandalo di nube

al sole arancio

tremi.?.!.

è solo il grido della luce

e questa lontananza

a darti il brivido

vieni

dammi la mano

le antenne ardono

è ancora mattino

non sciupiamo la bellezza

di queste immagini

ridateci per incanto

dalla luce

la luce non piove

sugli omeri verdi-rosa

delle colline

io le vedo per la prima volta

ieri non c’erano

sono arrivate nella pioggia

stanotte

con il segreto

delle primavere

vuoi dirmi qualcosa.?.!.

rimani

sei parte di questa luce

di questa luce immortale

che accende il mio sangue.

Giuseppe Tontodonati, Bologna 1975

 

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Stefania Tollis. Giovane imprenditrice abruzzese che ha creato la sua azienda da zero ed ora è conosciuta a livello mondiale.

Stefania Tollis nata nel 1979, diplomata all’istituto tecnico commerciale indirizzo programmatore di Sulmona ha proseguito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.