Lettera 150 arriva anche in Abruzzo, un movimento culturale e una rivista per contribuire a ricostruire l’Italia

“Lettera 150” è un movimento culturale, un think tank che si è formato spontaneamente in Italia durante il periodo peggiore della pandemia da Covid – 19 per suggerire un approccio razionale e strategico all’emergenza. 150, quanti sono coloro che hanno firmato Il documento originario, professori universitari, professionisti e alcuni magistrati. All’interno del gruppo – al quale hanno successivamente aderito alcune centinaia di studiosi appartenenti a tutte le aree scientifico-disciplinari dell’accademia: scienziati, giuristi, economisti, storici, etc. – si è sviluppato in questi mesi un vivace dibattito che ha fatto emergere competenze ed esperienze dal cui confronto hanno trovato forma molteplici proposte di riforme strutturali necessarie per incidere sul sistema Italia in una prospettiva di sviluppo.

Oggi “Lettera 150” è anche una rivista on-line www.lettera150.it, presentata da Giuseppe Valditara, ordinario di diritto romano nell’Università di Torino, Senatore della repubblica dal 2001 al 2013, Preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Europea di Roma dal 2005 al 2012, Capo del Dipartimento per l’Alta formazione e la ricerca MIUR dal 2018 al 2019, che, nella sua veste di coordinatore, ha firmato l’editoriale di apertura.

“Lettera150” – ricorda Valditara – nasce da un appello di circa 150 professori universitari in favore della rapida predisposizione di un piano di fuoriuscita in condizioni di sicurezza dal blocco del Paese per contrastare l’epidemia da Covid-19. Quell’appello è stato un forte messaggio di speranza e di fiducia nelle energie positive della nostra Nazione contro la rassegnazione, l’immobilismo, il pessimismo, la paura”.
Contemporaneamente si è sviluppata su WhatsApp una chat che è diventata presto “luogo di confronto civile, costruttivo, serio e libero in cui è emersa una comune consapevolezza, e una comune esigenza: che la particolare gravità con cui l’epidemia ha colpito la nostra Nazione discenda in parte dalla approssimazione con cui il Paese è stato gestito nel corso degli anni. Sono venute al pettine le strutturali fragilità di un gigante (siamo l’ottava potenza economica mondiale) dai piedi di argilla.

“Lettera 150” si articola sul territorio in Circoli regionali. Per l’Abruzzo, in questa prima fase, ha curato l’intera attività di Coordinamento il Dott. Dante D’Elpidio (Commercialista e già parlamentare) che fa parte anche della Segreteria Nazionale.

Nel Comitato Scientifico Nazionale di Lettera 150 c’è una autorevole rappresentanza Abruzzese composta dai seguenti Professori:

Antolini Fabrizio – Università di Teramo;
Butitta Fiamma – Università di Chieti:
Cimini Salvatore – Università di Teramo;
Marchetti Antonio – Università di Chieti;
Paolone Giuseppe – Università Pegaso.
Tra gli altri aderenti la Professoressa Mazzara Sabrina dell’Università di Teramo, il Dott. Luigi Di Matteo di Pescara, l’Avvocato Debora Visconti dell’Aquila, la Dottoressa Tiziana Del Beato dell’Aquila e la Dottoressa Lara Felicioni di Teramo.

Chiaramente, aggiunge D’Elpidio, al nostro movimento culturale potranno aggiungersi tutte quelle persone che si riconoscono nei valori di LETTERA 150 che vuole, con le sue iniziative, promuovere la competenza, il merito, la capacità e il sapere. Ad oggi sono stati innumerevoli i contributi di idee offerti da Lettera 150 al mondo della Politica affinché si potessero assumere decisioni e valutazioni con maggiore conoscenza dei fatti. Tali contributi sono stati puntualmente ripresi dalla principali testate giornalistiche Nazionali e dalle varie Agenzie di stampa. Invito, quindi, tutti a visitare il nostro sito www.lettera150.it o a leggere direttamente il primo numero della rivista on line da oggi all’indirizzo https://www.lettera150.it/wp-content/uploads/2020/10/Lettera150-001.pdf.

Al di là di singole responsabilità – a giudizio di Valditara – , il sistema Italia ha evidenziato gravi criticità. Ora ci attende la fuoriuscita dalla epidemia e quindi la ricostruzione del Paese che dovrà affrontare una situazione drammatica di crollo della ricchezza degli italiani e di gravi difficoltà occupazionali. Noi vogliamo dare un contributo in positivo, senza paraocchi culturali né pregiudizi politici o ideologici, non solo per uscire in sicurezza dalla paralisi, ma anche per avviare il rilancio della Nazione che amiamo. A tale fine riteniamo che non ci possa essere più spazio per improvvisazione, demagogia, superficialità. Competenza e merito dovranno contare più di quanto avvenuto in passato: gli uomini di scienza sono e saranno decisivi per sconfiggere il male, il virus, devono poter essere rilevanti per costruire il bene: una nuova, più efficiente, più solidale, più forte Italia. La politica, poi, legittimata dal voto popolare, trarrà le sue conclusioni. Da qui dunque questo sito e contestualmente la creazione di un Centro studi attingendo al grande patrimonio di competenze multidisciplinari di Lettera150”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sosteniamo Airc con l’iniziativa Cioccolatini della Ricerca 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *