L’Italia è uno dei Paesi più longevi al mondo

L’Italia è uno dei Paesi più longevi al mondo, e si vive anche meglio, ma resta un divario tra Nord e Sud: lo rivela il 14esimo Rapporto di C.R.E.A. Sanità – Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, che sarà presentato la prossima settimana. L’Italia ha un’aspettativa di vita alla nascita di 85,6 anni per le donne e 81 per gli uomini, risultando così “uno dei Paesi più longevi al mondo”; anche la speranza di vita residua a 65 anni (19,4 anni per gli uomini e 22,9 per le donne) è, per entrambi i generi, più elevata di un anno rispetto alla media dell’Unione europea. “Se si vive di più che negli altri Paesi, si vive anche meglio”, evidenzia il Rapporto: la speranza di vita in buona salute alla nascita in Italia si attesta a 67,6 anni per gli uomini e 67,2 anni per le donne, e quella a 65 anni è pari a 10,4 anni per gli uomini e 10,1 per le donne, contro una media Ue inferiore, e pari rispettivamente a 9,8 e 10,1 anni. In Italia, sempre a 65 anni, la speranza di vita senza limitazioni nelle attività quotidiane è di 9,8 anni nel 2016 e in aumento rispetto al 2010 di quasi un anno, “dimostrando che è in atto una compensazione almeno parziale degli effetti attesi dell’invecchiamento”

Ma “rimane il divario tra Settentrione e Meridione, con oltre un anno di svantaggio in termini di aspettativa di vita nelle Regioni del Mezzogiorno, che diventano 3 per quella a 65 anni”. Tuttavia “le aspettative di vita nelle Regioni Meridionali sono incomparabilmente migliori di quanto ci si potrebbe aspettare sulla base del loro livello di sviluppo economico”: Grecia e Portogallo, ad esempio, pur con un pil pro-capite paragonabile a quello del nostro meridione, “performano” peggio di tutte le Regioni italiane, Campania esclusa; e quest’ultima, comunque, performa molto meglio di tutti i Paesi dell’Ue orientale. “Questo – sottolinea il Rapporto – è il risultato del meccanismo redistributivo alla base del Servizio sanitario nazionale, il quale permette alle Regioni più povere di avere risorse comunque sufficienti per la Sanità. E “tutto questo ad un costo largamente inferiore a quello sostenuto negli altri Paesi (vedi la scheda spesa e finanziamento)”, anche se – conclude il rapporto – “questo non basta a ‘promuovere’ completamente il Ssn”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

La medicina del lavoro, ricordando Salvatore Maugeri

Ripercorrere la vita di Salvatore Maugeri per ripercorrere la storia della medicina del lavoro incrociando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *