Pineto, la denuncia di Ass. Paliurus e Stazione Ornitologica Abruzzese: Cemento per la ciclovia mette a rischio area riproduzione di raro anfibio

“L’alveo di un importante fosso a Pineto è stato completamente cementificato appena pochi metri a monte del suo ingresso nell’Area Marina Protetta del Cerrano devastando un’area fondamentale per la riproduzione di una rara specie di anfibio, il rospo smeraldino. Il tutto per la realizzazione di un ponticello a monte di quello già esistente per far passare la ciclovia Adriatica”. Lo affermano i referenti dell’di Ass. Paliurus e Stazione Ornitologica Abruzzese onlus.

“Così la principale stazione di riproduzione del rospo smeraldino (Bufotes viridis subsp. balearicus) dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano è andata distrutta da una vera e propria colata di cemento. La specie, che è stata protagonista di un breve documentario dell’ass.Paliurus con riprese realizzate proprio lungo quel fosso, è rigorosamente protetta dalla Convenzione di Berna per la salvaguardia della fauna minore, dall’allegato IV della Direttiva Habitat dell’Unione Europea e dalla legge regionale per la protezione della fauna minore.

“Per le associazioni Paliurus e Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus è paradossale che tutto avvenga per realizzare un’opera importante per l’ecoturismo: pensano che chi frequenterà il percorso pensando di visitare un’area protetta non noterà questa vera e propria colata di cemento contraria a qualsiasi principio di sostenibilità? Dichiara Mario Cipollone, segretario dell’Ass. Paliurus “Se da una parte si ventilano transizione ecologica, sostenibilità ambientale e contrasto ai cambiamenti climatici, dall’altra si assesta un colpo mortale agli anfibi che popolano le ultime zone umide della nostra costa, minacciati proprio da tutto ciò che nominalmente si dice di voler combattere e per di più, come in questo caso, con conseguenze in un’area protetta con specie tutelate a livello comunitario”. Dichiara Massimo Pellegrini, naturalista e presidente della Stazione Ornitologica Abruzzese “L’Ente Gestore dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano e il Comune di Pineto come si pongono di fronte a tutto questo? Sono consapevoli del danno subito dai sistemi ecologici che sono chiamati a tutelare? Per questo abbiamo scritto a entrambi gli enti. Chiediamo a gran voce che il cemento venga immediatamente eliminato prevedendo interventi realizzati con l’ingegneria naturalistica, utilizzati in tutto il mondo nelle aree protette e non. Sì alla ciclabile ma stop al cemento, insomma”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Giornata mondiale dell’acqua 2022

Legambiente presenta la road map con le tre priorità per una loro gestione condivisa e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.