Autostrade A24 e A25, il Tar del Lazio si riserva la decisione

 Il Tar del Lazio, in udienza collegiale, si e’ riservato di decidere se confermare o annullare la sospensiva relativa alla revoca in danno della concessione delle autostrade laziali ed abruzzesi A24-A25 alla societa’ Strada dei Parchi. Il provvedimento era stato stabilito dal Consiglio dei ministri nella riunione del 7 luglio scorso sulla base di un provvedimento del Ministero per le Infrastrutture e per la Mobilita’ sostenibili (Mims) nel quale veniva elencata una serie di inadempienze. Dovrebbe giungere entro domani (28 luglio) la decisone sulla sospensiva arrivata il 12 luglio scorso, quattro giorni dopo il clamoroso passaggio di consegne con Anas, in seguito al ricorso al Tar della concessionaria Strada dei Parchi che ha impugnato il provvedimento del Mims. Il Tar, sempre stamani, ha fissato l’udienza di merito per il prossimo 20 settembre. Originariamente i giudici amministrativi avevano fissato l’udienza il 7 settembre: e’ stata l’Amministrazione statale a chiedere e ottenere di anticipare i tempi rispetto alla prima decisione del Tar adottata con la formula “inaudita altera parte”. Il decreto del Consiglio dei ministri e’ arrivato a termine di anni di contenzioso tra Sdp e Ministero: in particolare, Sdp, che dal 2000 gestisce le due arterie, ha sempre rigettato ogni rilievo. Nelle settimane precedenti, la concessionaria aveva chiesto la rescissione anticipata del contratto in scadenza nel 2030, con la motivazione di condizioni non consone, in particolare per la sicurezza antisismica alla luce del mai attuato mega piano previsto nella legge di stabilita’ del 2012, dopo il terremoto dell’Aquila del 2009. Progetto da 6,2 miliardi di euro inserito in piu’ versioni del piano economico finanziario ma rinnovato dal 2014. Sdp ha chiesto al governo un indennizzo di circa 2,5 miliardi di euro. Domani si sapra’ se saranno Anas o il privato Sdp, che mette in campo circa 800 dipendenti, a gestire le A24 e A25 fino al 20 settembre.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ex patron del Gruppo Metec assolto dalle accuse di frode fiscale

Si è concluso con un’assoluzione il processo davanti al Tribunale di Pescara per frode fiscale a carico …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *