Confcommercio, protesta dei ristoratori e degli esercenti in piazza a Pescara

Mini bar e ristoranti, wedding, tavole imbandite e donne con abiti da sposa hanno invaso pacificamente questa mattina al ritmo di musica Piazza della Rinascita a Pescara per chiedere date certe per la riapertura delle attivita’ chiuse da mesi.

“Questa mattina abbiamo qui in piazza a Pescara tanti titolari e lavoratori dei pubblici esercizi come bar, ristoranti, pizzerie, locali da ballo, pub, sale da gioco, pasticcerie, gelaterie e stabilimenti balneari che da troppo tempo sono stati costretti ad abbassare le saracinesche. Abbiamo lanciato lo slogan ‘Vogliamo Riaprire’ che accomunera’ le manifestazioni che si stanno tenendo in questo momento in diverse citta’ italiane. Una rappresentanza della Fipe-Confcommercio a Roma incontrera’ i rappresentanti del Governo per manifestare la grande sofferenza delle attivita’ e chiederne la riapertura. Questa mattina ci siamo collegati anche con Montecitorio per un abbraccio a distanza con gli altri esercenti. Chiediamo – ha detto ancora Padovano – delle cose ben precise: una moratoria bancaria per investimenti di almeno trent’anni perche’ i ristori sono solo un palliativo, stop al pagamento della Tari e l’occupazione di suolo gratuito. Noi vogliamo lavorare e investire con le nostre attivita’ ma vogliamo gli strumenti per farlo. Siamo fermi da otto mesi e non si puo’ andare piu’ avanti. Data per riaprire? Credo che per il 26 aprile potremo avere qualche risposta importante in tal senso”. Alla manifestazione di Confcommercio ha portato la sua solidarieta’ anche il sindaco Carlo Masci.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Vaccino, studio italiano conferma l’efficacia

Il “primo studio” organizzato in Italia sull’efficacia dei vaccini conferma che “tutti e tre i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *