I parenti delle vittime di Rigopiano incontreranno Papa Francesco

I parenti delle vittime dell’hotel Rigopiano di Farindola, travolto e distrutto da una valanga lo scorso 18 gennaio provocando la morte di 29 persone, saranno ricevuti da Papa Francesco in occasione dell’udienza generale del prossimo 17 maggio, in piazza San Pietro. Lo rende noto il ‘Comitato vittime di Rigopiano’, che sottolinea come “la presenza al cospetto del Santo Padre ha per noi un significato molto particolare”. “Questi ultimi quattro mesi – dicono i parenti delle vittime – sono stati durissimi; abbiamo dovuto piangere i nostri cari, lottare contro il totale abbandono delle istituzioni, chiedere disperatamente di conoscere la verita’, fare i conti con i nomi dei primi indagati e, infine, combattere per riavere, prima che finiscano nelle mani degli sciacalli, cio’ che e’ rimasto dei nostri familiari. Per questo – aggiungono – speriamo vivamente di trovare nelle parole di papa Francesco un po’ di quella serenita’ e di quella forza necessaria ad affrontare dignitosamente il nostro futuro”. “Ci ritroveremo tutti mercoledi’, alle 4, alla stazione centrale di Pescara – annunciano al comitato – per poi partire in autobus alla volta di Roma dove, dopo esserci ricongiunti con tutti coloro che verranno dalle altre regioni, faremo ingresso in piazza San Pietro. A noi sara’ riservata la zona del sagrato alla destra del Santo Padre, in cui ci sistemeremo tenendo in mano ciascuno un palloncino con appesa una rosa bianca. Al termine della celebrazione i palloncini con le rose voleranno in cielo, cosi’ come e’ accaduto ai nostri angeli quel maledetto 18 gennaio”. Al Papa verra’ consegnato “un presente, in ricordo delle 29 vittime di questa immane tragedia”. A seguire ci sara’ un “pranzo-riunione, durante il quale decideremo quali saranno le prossime mosse della nostra battaglia”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Controlli dei carabinieri nell’area Peligna, 13 giovani segnalati per detenzione di droga

Sono 13 i ragazzi segnalati dai carabinieri alla prefettura per detenzione di stupefacenti per uso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.