Montesilvano, consegnata al sindaco casa confiscata alla camorra

Il patrimonio comunale di Montesilvano si arricchisce di un appartamento e due garage. Oggi un funzionario dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (Anbsc) che gestisce, in collaborazione con l’autorità giudiziaria, l’intero processo finalizzato alla destinazione dei beni sequestrati e poi confiscati, ha consegnato al sindaco del comune adriatico Ottavio De Martinis le chiavi di un appartamento al quinto piano di via Vestina 191, due garage, uno nello stesso immobile insieme a un posto macchina, e un altro di 24 metri quadri in via Agostinone. L’appartamento, in discreto stato d’uso, è composto da quattro camere più un ripostiglio e servizi, per un totale di 116 metri quadri, il garage è di 24 metri quadri e il posto macchina di 12. Al momento l’Agenzia ha in dotazione altri due alloggi già confiscati da consegnare all’amministrazione comunale nelle prossime settimane: uno in via Agostinone e l’altro in via Isonzo composto da cinque vani. Il sindaco Ottavio De Martinis ha espresso soddisfazione per il risultato raggiunto che ha consentito la sottrazione alla criminalità organizzata dei beni acquisiti in maniera illecita e la conseguente restituzione allo Stato.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

 Violano la quarantena per andare a fare degli acquisti, denunciati 2 coniugi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *