Confimprese-Ey, a maggio consumi -27% rispetto al 2019

Nel confronto con maggio 2019, il mese scorso a pagare il prezzo piu’ alto e’ stata la ristorazione (-48%), seguita da abbigliamento-accessori (-22%), mentre ha registrato un trend quasi in linea col 2019 il settore non legato alla somministrazione di cibo e bevande, che ha chiuso a (-6%). Tra i canali di vendita, il settore viaggi si conferma il peggiore in flessione del 64%. I centri commerciali faticano a risalire la china e chiudono il mese con un calo del 33%, gli outlet del 13%, le high street a -26%, e le altre localita’ a -19%. Le aree geografiche mostrano andamenti abbastanza simili nel mese di maggio 2021 vs maggio 2019. La migliore e’ l’area Sud (Campania, Calabria, Sicilia, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata) col -17%, in netto recupero rispetto al mese precedente (-66%). L’area Nord-Est (Emilia-Romagna, Triveneto) registra il trend peggiore -32%, seguita dall’area Centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Sardegna) -29% e dal Nord-Ovest (Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta) -28%.Maggio e’ stato ancora un mese di sofferenza per i consumi. Le vendite hanno registrato una flessione pari al 27% rispetto allo stesso mese del 2019, ultimo anno prima della pandemia da Covid-19. Un risultato comunque migliore rispetto ad aprile 2021 che aveva chiuso a -63% vs aprile 2019. Lo rivela l’osservatorio permanente Confimprese-EY sui consumi di mercato. Da inizio anno, precisa l’osservatorio, il bilancio e’ ancora fortemente negativo con una flessione pari a -49%. Si riduce la flessione dell’indicatore dei consumi del totale mercato dell’anno mobile 2021 vs 2020 con una contrazione pari a -24%.

In buona sostanza, spiega Ey, l’analisi del mese di maggio su maggio 2019 rivela una situazione ancora molto volatile, dipendente dagli up & down dei mercati e dall’incertezza che ancora permane sul mondo dei consumi. “E’ importante evidenziare che nel mese di maggio vi e’ stato un passo avanti, rispetto a inizio anno, che potremmo interpretare come un segnale positivo di ripartenza del Paese e speranza nel futuro”, dichiara Paolo Lobetti Bodoni, med business consulting leader di EY. “E’ interessante notare come gli outlet, ad esempio, abbiano registrato la performance migliore (-13%) e che siano diventati dei punti vendita preferiti rispetto ai centri commerciali (-33%). Osservando invece i trend delle principali citta’, tutte con trend al di sotto della media italiana tranne Palermo, si intuisce che i consumi si sono ancora spostati verso i centri urbani piu’ piccoli. Il dato sulla ristorazione (-48%) indica un settore ancora in sofferenza, ma ci auguriamo, come accadde lo scorso anno, un recupero nei mesi piu’ caldi”, conclude.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sciopero nazionale dei lavoratori delle banche

Sciopero nazionale dei lavoratori delle banche che temono conseguenze per i livelli occupazionali, per le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *