Covid, Meritocrazia Italia Abruzzo: importante passo il via libera alle terapie monoclonali

“Nella lotta al Coronavirus la ricerca ha ancora una volta ragione: gli anticorpi monoclonali rappresentano una arma decisiva. E L’Abruzzo lo ha capito. E’ stato, infatti, approvato il Protocollo per medicinali a base di anticorpi monoclonali da somministrare ai pazienti colpiti dal virus in maniera lieve o moderata, ma ad alto rischio di sviluppare una grave forma di Covid, a causa di altre patologie croniche concomitanti all’infezione. Già dal 10 febbraio scorso la Regione Abruzzo aveva dato avvio alle interlocuzioni con le aziende sanitarie, così da essere pronta allorquando i provvedimenti attuativi sarebbero giunti. Vengono definite le modalità di individuazione dei pazienti da trattare, i percorsi di presa in carico e conduzione di questi ultimi nelle aree dedicate, le procedure clinico-diagnostiche e quelle amministrative. Un protocollo, dunque, completo ed esaustivo con il coinvolgimento di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, i primi ad essere informati della positività al tampone, dunque i primi a poter decidere. Una terapia sulla quale si confida molto. Ed è proprio l’assessore alla Salute della Regione Abruzzo, Nicoletta Verì, la prima a crederci: “confido molto nell’efficacia della terapia con gli anticorpi monoclonali perchè un intervento precoce di riduzione della carica virale, potrebbe rappresentare davvero la chiave di volta per decongestionare gli ospedali, ma soprattutto per ridurre i rischi di complicanza anche severe in pazienti con particolari quadri clinici”, lo affermano i referenti di Meritocrazia Italia Abruzzo, che ha deciso di unirsi al folto gruppo di coloro che confidano negli anticorpi monoclonali, quali mezzi di vittoria nella guerra al virus.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

L’informatizzazione in Sanità è necessaria, strategica e imminente

*di Giancarlo De Leo L’incessante sviluppo scientifico, tecnico ed organizzativo legato inizialmente alla rivoluzione nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *