Caro prezzi, spesa al discount in crescita del 10 per cento a settembre

Cresce il ricorso agli acquisti nei discount alimentari, per far quadrare i conti della spesa nelle famiglie. Gli ultimi dati, elaborati da Nielsen like4like per Fida Confcommercio e per Federdistribuzione, mostrano un balzo di oltre il 10% del fatturato a settembre. Un dato che per Donatella Prampolini di Fida indica una ‘cannibalizzazione dei canali dei super e ipermercati’, mentre per Federdistribuzione segna solo un trend di crescita in evidenza gia’ da tempo. Il discount e’ l’unico canale nel settore del commercio alimentare ad aver aumentato il numero di pezzi venduti. Mentre soffrono iper e supermercati. Nel periodo gennaio-agosto 2022 i discount registrano una crescita dei volumi di vendita di quasi 3 punti rispetto alla stessa fase dell’anno precedente. Anche Istat, nella sua ultima indagine, ha fotografato una dinamica sostenuta: a luglio il fatturato dei discount e’ cresciuto del 12,3%, staccando di almeno 5 punti sia il canale degli ipermercati che quello dei supermercati.

Il discount, quindi, e’ sempre piu’ una tappa obbligata per le famiglie colpite dal caro prezzi. Prampolini non ha dubbi nel valutare i dati. In Emilia Romagna nella settimana dal 19 al 25 settembre il fatturato dei discount e’ aumentato addirittura del 15%. “E’ un dato che segue la pancia delle persone: la gente si spaventa, ha timore del futuro e cerca di risparmiare sulla spesa. E’ successo anche con la crisi del 2009. Man mano che le bollette crescono, cresceranno anche i fatturati dei discount”. Il canale e’ in crescita da tempo, ma per Prampolini l’ultima impennata ha una connessione diretta con il caro bollette. “Il supermercato fa fatica a tenere l’inflazione, perde in termini di pezzi venduti, mentre il discount cresce”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Alla Luiss nasce una piattaforma per ricerca e formazione nell’area Mediterraneo

La necessita’ di rimettere il Mediterraneo allargato al centro della agenda internazionale “richiede un nuovo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *