Chiuso il primo bando di dismissione dei beni pubblici

Dalla vecchia stazione di Fermo aggiudicata per oltre un milione e mezzo di euro con un rialzo del 136% sulla base d’asta, ad un loft a Porta Ticinese a Milano conteso con ben 12 rilanci: sono due dei beni assegnati tra quelli messi in vendita con il bando di dismissioni nazionali del Demanio avviato il 18 luglio, il primo di tre. Aggiudicati 18 dei 50 immobili coinvolti per un valore complessivo di oltre 18 milioni (18.387.940,77 euro per l’esattezza) pari a circa il 40% del prezzo totale a base d’asta. L’operazione rientrava nel piano straordinario previsto dalla legge di Bilancio 2019 e riguardava un portafoglio variegato ed eterogeneo di beni: edifici residenziali, commerciali, ex caserme, terreni, immobili storici, strutture industriali e direzionali. Per i 18 beni aggiudicati l’incremento di valore sulla base d’asta e’ stato di circa il 16% pari a 2.488.620,77 euro. Tra gli immobili che hanno ricevuto piu’ offerte, sottolinea il Demanio, quelli dotati di particolari caratteristiche, come ad esempio i piazzali ferroviari o le ex caserme che sono stati aggiudicati dopo cospicui incrementi sulla base d’asta. E’ accaduto oltre che a Fermo e a Milano, anche a Bologna dove una porzione della Caserma Mameli e’ stata aggiudicata a un prezzo finale di 857.250 euro, dopo ben 25 rilanci; a Milano con il Capannone Industriale di via Guglielmo Silva, aggiudicato per 4.105.000 euro rispetto al prezzo di partenza di circa 3.400.000 euro. Piu’ offerte ricevute anche per l’Ex Casa del Fascio a Cittadella in provincia di Padova, il campo da golf a Rosolina, in provincia di Rovigo, la Palazzina Forte della Rocca a Bergamo Alta e l’ufficio di Via Colli situato in una zona residenziale di Torino. Inoltre un ristorante in piazza San Pancrazio a Firenze, e’ stato aggiudicato con un rialzo di quasi il 19% sulla base d’asta. Le aggiudicazioni diventeranno ora definitive dopo le verifiche di rito, mentre il 15 novembre si avranno i risultati degli altri due bandi di vendita che riguardano altri 43 immobili per un valore totale di oltre 98 milioni di euro

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Agroalimentare, in vigore accordo Cina-Ue su tutela Igp e Dop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *