Nei primi nove mesi del 2022 ai distributori automatici consumati oltre 1,7 miliardi di caffe’

Nei primi nove mesi del 2022 ai distributori automatici d’Italia (oltre 820mila) sono stati consumati oltre 1,7 miliardi di caffe’ e quasi 439 milioni di snack che hanno trainato la lenta ma progressiva ripresa del settore (+8,2% vs 2021). Gli snack salati e al cioccolato sono quelli che hanno registrato le performance piu’ alte, rispettivamente del +31,40% e +28,53% facendo fare all’intera categoria un salto del 22,8% in 9 mesi. Tuttavia, le conseguenze della pandemia e la crisi delle materie prime dovuta alla guerra russo-ucraina hanno causato una contrazione delle performance del settore – in cui l’Italia e’ leader a livello internazionale – del 17,94% rispetto allo stesso periodo del 2019. E’ quanto emerge dallo studio presentato da Confida, Associazione Italiana Distribuzione Automatica durante gli Stati Generali del comparto. Dal 2020 la crisi legata alla pandemia ha causato gravi perdite (-31,95% vs 2019) per le imprese del comparto colpite in particolar modo da smart working, Dad, chiusure dei luoghi d’aggregazione e restrizioni negli ospedali. Crisi continuata nel 2021 quando, nonostante una lieve ripresa, la perdita e’ stata comunque del 23,7%. Nel 2022 la guerra ha causato mancanza di prodotti, aumenti vertiginosi dei prezzi, oltre alla crisi energetica che ha portato ad una crescita significativa dei prezzi di carburanti, elettricita’ e gas. Confida stima che il comparto possa chiudere l’anno a -15% rispetto al 2019.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Crescono le aspettative di inflazione

Le aspettative di inflazione per i prossimi 12 mesi sono aumentate di 0,1 punti percentuali, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *