Turismo, nell’estate 2023 l’Italia prevede una crescita del 23 per cento degli arrivi internazionali

Il  70 per cento degli stranieri sta organizzando viaggi da qui a Natale mentre il 62 per cento dice che il conflitto non ha un effetto particolare nelle proprie previsioni. Diminuiscono i viaggi piu’ lunghi a favore dei viaggi piu’ brevi e nei prossimi 6 mesi, Italia e Spagna si trovano con una crescita del 9-10 per cento di turismo internazionale mentre la Francia e’ l’unico paese all’11 per cento. Nell’estate del 2023, l’Italia prevede +32 per cento del turismo internazionale. Sono alcuni dei numeri emersi oggi sul turismo nel nostro Paese durante a conferenza stampa di presentazione della Bit, la Borsa internazionale del turismo, che si terra’ in presenza presso Allianz MiCo da domenica 12 a martedi’ 14 febbraio 2023 e dove ogni anno si fa il punto sullo stato dell’arte del settore.

Un bilancio del 2022 è stato tracciato da Enit su dati Istat, Unwto e Banca d’Italia. Nel 2022 l’Italia si posiziona al quarto posto nel mondo per i flussi da turismo internazionale con entrate pari a 21,3 miliardi di euro, in crescita del +22,7 per cento sul 2020. Un affondo di Enit sull’autunno indica che a novembre il nostro Paese presenta il piu’ alto tasso di saturazione delle strutture prenotate tramite OTA fra i principali Paesi europei (37 per cento), mentre la saturazione del non alberghiero e’ stimata al 39 per cento; e nello stesso mese l’Italia ha il piu’ elevato incremento delle prenotazioni aeree internazionali verso il Paese, +65 per cento sul 2021 a quota 392 mila. A conferma dell’interesse per il Bel Paese nelle intenzioni di viaggio per i prossimi mesi, con il 9 per cento delle preferenze l’Italia e’ seconda solo alla Francia (11 per cento) e a pari merito con la Spagna. II 62 per cento dei rispondenti sta pianificando spostamenti intraeuropei nella stagione invernale e il 70 per cento sta organizzando un viaggio nei prossimi sei mesi (+4 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno). Riguardo all’internazionale, nel suo piu’ recente barometro la Unwto – Organizzazione Mondiale del Turismo segnala un’accelerazione della ripresa che ha ormai raggiunto il 65 per cento dei livelli pre-pandemici.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Export, stimata da Sace crescita del 2,6 per cento nel 2023 per i servizi

L’impatto del Terziario nell’export di beni e servizi e’ sempre piu’ centrale nelle dinamiche economiche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *