Chieti prima città a a locazione passiva zero

L’Agenzia del Demanio annuncia per i prossimi 5 anni progetti di razionalizzazione, ammodernamento e recupero di efficienza degli edifici della p.a. per oltre 1,4 miliardi di euro, con l’attuazione di 130 piani su tutto il territorio nazionale. Tra i piu’ importanti a partire saranno 34 operazioni di Federal Building, che consentiranno di concentrare nello stesso edificio gli uffici della p.a. per offrire ai cittadini servizi piu’ integrati e fruibili, generando anche risparmi per le casse dello Stato. Gia’ in corso o in fase di avvio sono 9 “poli dalla p.a”, come li ha ribattezzati il direttore generale dell’Agenzia, Roberto Reggi. Altri 11 sono in progettazione e 14 (anch’esse in progettazione) sono le ‘cittadelle della giustizia’. La prima citta’ “a locazione passiva zero” sara’ Chieti, con la concentrazione nell’ex caserma Berardi di tutti i servizi pubblici”. A Napoli tocchera’ invece alla caserma Boscariello, in progettazione per riqualificare il quartiere di Scampia. Le Vele rientrano peraltro anche nei progetti di rigenerazione urbana di cui fanno parte l’ex Ergastolo dell’isola di Santo Stefano-Ventotene, l’ospedale Forlanini di Roma e l’ex Arsenale di Pavia. Il 2017, ha annunciato Reggi presentando i risultati 2016 e le prospettive per il prossimo futuro, sara’ quindi “l’anno dei cantieri”. Nel 2016, per i lavori di razionalizzazione e sviluppo la spesa ha gia’ registrato un incremento del 75% rispetto agli anni precedenti ma l’obiettivo e’ di una ulteriore crescita esponenziale. “Vendere e incassare senza prima investire non e’ possibile”, ha sottolineato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ribadendo gli sforzi del governo per la riduzione del debito, a cui anche la dismissione immobiliare contribuisce. Tuttavia la cessione del patrimonio pubblico non puo’ essere attuata in massa e repentinamente. “Per anni – ha ricordato il ministro – si e’ alimentata l’idea che l’ingente patrimonio potesse essere immediatamente impiegato per abbattere il debito. Ma solo una frazione di questo patrimonio e’ disponibile all’alienazione”, ha puntualizzato. Per alienare parte del patrimonio pubblico “e’ innanzitutto necessario spostare gli uffici” ma soprattutto “e’ necessario investire”. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *