Consiglio regionale, rinviata la nomina del difensore civico e approvati debiti fuori bilancio

Nel corso della seduta odierna del Consiglio regionale, sono stati discussi i seguenti documenti politici: interpellanza a firma del consigliere Pierpaolo Pietrucci recante: Avvisi per i voucher sull’Alta Formazione; interpellanza a firma del consigliere Domenico Pettinari recante: Azienda Sanitaria Locale di Pescara – Esecuzione esami ematici di laboratorio solo previa prenotazione in presenza presso gli sportelli del Cup. Impossibile prenotazione on-line; interpellanza a firma del consigliere Pietro Smargiassi recante: Situazione centro vaccinazioni Pala Bcc di Vasto; interpellanza a firma del consigliere Francesco Taglieri recante: Ritardi nella attivazione del Fascicolo Sanitario Elettronico; interpellanza a firma del consigliere Silvio Paolucci recante: Ritardi sulla campagna di vaccinazione per gli ultraottantenni e adozione di un piano per disciplinare le liste di riserva; interpellanza a firma del consigliere Marianna Scoccia recante: Caos e ritardi nella campagna vaccinale per le persone fragili e con disabilità nella provincia dell’Aquila. L’Assemblea legislativa regionale ha approvato all’unanimità il progetto di legge “Misure a favore delle imprese, con particolare riguardo al settore della ristorazione, a quello turistico – alberghiero, alle filiere ad essi correlate operanti sul territorio della Regione Abruzzo” che prevede uno stanziamento complessivo di risorse pari a 10 milioni di euro. Il provvedimento prevede una serie di misure straordinarie di contrasto alla crisi emergenziale economico-finanziaria che si è venuta a determinare a seguito della pandemia da Covid-19 e che sta protraendo i suoi effetti negativi sul sistema economico regionale soprattutto a causa della diffusione delle varianti virali. Le risorse previste dall’articolato derivano dalla riprogrammazione del cosiddetto “Fondo dei Fondi” di Sviluppo Abruzzo per le Imprese (SAIM) con la possibile modifica, se necessaria, del Programma Operativo Regionale Fesr 2014/2020. L’obiettivo è consentire alle micro, piccole e medie imprese abruzzesi di ottenere agevolazioni nell’accesso al credito bancario e la possibilità di realizzare nuovi investimenti per affrontare la transizione verso la “green economy”. Sono previsti 5 diversi strumenti finanziari che vedranno come soggetto attuatore la Fira Spa e questa scelta, come è stato spiegato nel corso della discussione in Aula, è stata adottata per garantire una tempistica che sia dettata alla massima rapidità ed efficacia: un fondo “Piccolo prestito” del valore di 15mila euro, erogato a interesse zero, della durata di 5 anni di cui 24 mesi di ammortamento; un fondo per l’erogazione di contributi a fondo perduto finalizzati all’abbattimento del tasso di interesse dei prestiti e all’abbuono della commissione di garanzia; un fondo per la ricapitalizzazione delle imprese attraverso la partecipazione al capitale di rischio e il prestito partecipativo; un fondo per le start-up da attivare anche in compartecipazione con risorse private provenienti da piattaforme di equity crowfunding; un fondo rotativo di garanzia e cogaranzia regionale da assegnare ai confidi operanti in Abruzzo, al fine di garantire fino al 100% finanziamenti bancari

Nel pomeriggio, nel corso della seduta ordinaria, il Consiglio regionale ha approvato anche una serie di provvedimenti relativi al riconoscimento di debiti fuori bilancio: per le prestazioni professionali svolte nell’ambito dei “Lavori di realizzazione dei pennelli e risagomatura scogliere esistenti nella zona sud e centro del litorale del Comune di Silvi (Te), per l’acquisizione di beni in assenza del preventivo impegno di spesa per le attività relative al progetto Efasam” e in relazione a una sentenza della Corte di appello dell’Aquila – Sez. Lavoro e previdenza. E’ stata rinviata alla prossima seduta la nomina del Difensore civico della Regione Abruzzo

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Rincari autostradali, i sindaci incontrano il ministro Giovannini

I sindaci e gli amministratori di Lazio e Abruzzo che si sono impegnati nella battaglia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *