Discarica di Bussi, ordinanza della Provincia per la bonifica

Continuare ed eventualmente integrare le misure di prevenzione, adottare tempestivamente le misure di messa in sicurezza, rimuovere tutti i rifiuti depositati in modo incontrollato nelle discariche, provvedere alle ulteriori operazioni di bonifica e ripristino ambientale. Sono le azioni che la Edison è tenuta a portare avanti, dopo essere stata individuata quale responsabile dell’inquinamento delle aree denominate 2A e 2B, nel Sin di Bussi. Lo stabilisce un’apposita ordinanza, datata 26 giugno 2018, emessa dalla Provincia di Pescaraal termine di indagini andate avanti circa un anno. L’attività investigativa è stata condotta dalla Polizia Provinciale, in collaborazione con il ministero dell’Ambiente, l’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta), la Regione Abruzzo e il Forum H2O. L’area oggetto del provvedimento è complessivamente di oltre 70.000 metri quadri, con migliaia di tonnellate di rifiuti ma non è più di proprietà di Edison dal 1981 quando è stata acquisita da Ausimont. Nel 2002 è subentrata Solvay e dal 2018 è del Comune di Bussi. Il punto della situazione è stato fatto nel corso di una conferenza stampa. Presenti, tra gli altri, il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, il comandante della Polizia provinciale, Giulio Honorati, il sindaco di Bussi sul Tirino, Salvatore Lagatta, Lucina Lucchetti, funzionaria dell’Arta, e Augusto De Sanctis del Forum H2o. 

Le indagini sono state condotte su più fronti. Dall’analisi dei documenti ai sopralluoghi, dai campionamento agli accertamenti di laboratorio. L’Arta si è avvalsa della collaborazione di altre agenzie regionali per l’ambiente. Attività analoghe – si tratta di una procedura amministrativa-ambientale autonoma rispetto alla vicenda penale/processuale – verranno portate avanti anche per tutta l’area industriale. “Abbiamo lavorato instancabilmente, in sintonia con tutti i soggetti interessati. L’ambizione – ha detto Di Marco – è dialogare costantemente e strettamente con Edison affinché faccia tutto quello che è previsto nell’ordinanza. Il provvedimento prevede una serie di azioni ben chiare, tra cui la necessità di adempiere alle prime misure entro 30 giorni, cioè entro il 26 luglio. Ora si può accelerare sui tempi della bonifica, perché c’è il soggetto con cui dobbiamo rapportarci. Loro dovranno fare tutto ciò che è necessario. Per tutti gli interventi già fatti fino a oggi ci si può rivalere su Edison. Finalmente c’è un soggetto ben identificato e c’è una massima collaborazione con Edison affinché faccia bene”.

“Noi abbiamo la necessità di essere consequenziali con immediatezza, perché i cittadini hanno atteso troppo tempo. Troppi problemi sono stati scaricati, purtroppo, sulla salute dei cittadini e non possiamo consentire che questo scempio rimanga lì senza alcun tipo di intervento”, ha concluso il presidente della Provincia. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Nasce in Abruzzo Polis 305.

Marco Alessandrini, Gianguido D’Alberto, Americo Di Benedetto ed Antonio Luciani annunciano la creazione di un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *