Fondi Masterplan, Marcozzi: dal Pd giunte mistificazioni

 “E’ stata la Giunta D’Alfonso ad autorizzare l’anticipazione dei Fondi Masterplan. Il presidente vicario Giovanni Lolli e tutti gli esponenti del Pd che hanno dato vita a questa mistificazione trasformatasi in cinque giorni di terrorismo mediatico lo sapevano. E’ tutto nero su bianco. I fondi saranno presi e reinseriti nel Masterplan entro due mesi”. Sara Marcozzi, consigliera della Regione Abruzzo del M5S e futura candidata alla presidenza, chiude così la questione dei fondi Masterplan che secondo l’amministrazione regionale e parte dell’opposizione sarebbero stati “scippati” dal ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli all’Abruzzo per intervenire sulla messa in sicurezza della A24 e A25.

Nel suo lungo intervento la consigliera regionale pentastellata ha ripercorso quindi la vicenda della delibera 499 del 9 luglio 2018 in cui il Governo Regionale si impegnava a spostare parte dei 753 milioni a disposizione del Masterplan sulla messa in sicurezza l’autostrada con la garanzia, da parte del Ministro delle Infrastrutture, di rendere quel denaro “per ora non necessario in liquidita’ per le opere previste. Il primo a mentire o soffrire di bipolarismo, dunque, e’ il presidente Luciano D’Alfonso”, aggiunge Marcozzi. Nella delibera “si ripete esattamente quanto riportato nel Decreto Genova, e cioe’ si consente, per la messa in sicurezza delle autostrade A24 e A25, in via anticipata, l’impegno dei fondi FSC assegnati e non trasferiti in favore della Regione Abruzzo. Quando fu firmato c’erano anche gli assessori regionali Silvio Paolucci, Lorenzo Berardinetti, Dino Pepe e il vicepresidente Lolli. Quello che piu’ di ogni altro ora grida allo scandalo e allo scippo da parte del Governo sui fondi del Masterplan Abruzzo”, spiega la consigliera regionale

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *