Il ministro Tajani in Abruzzo: è un piacere tornare qui

“È un piacere tornare qui, un grande piacere”. Lo ha detto il ministro degli affari esteri e della cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, in visita Istituzionale a San Giovanni Teatino per il 25esimo anniversario della 133esima Squadriglia radar remota di San Giovanni Teatino, dell’Aeronautica militare.

“Una esperienza straordinaria, in una regione straordinaria che ha sempre accolto l’aeronautica militare con entusiasmo. Era meglio uscire in uniforme che uscire in borghese a Pescara. Siamo stati sempre più a San Giovanni Teatino, era la base radar della Nato , operativa, abbiamo imparato tante cose e servito il Paese e abbiamo indossato l’uniforme dall’Aeronautica con onore – ha aggiunto il ministro – È stato per me un grande onore. Dobbiamo ricordare i tanti caduti, penso a quelli di Bosnia, i tanti militari dell’Aeronautica caduti in tempo di pace, non soltanto in tempo di guerra, per difendere il nostro Paese a cominciare da Francesco Baracca”. Il vice premier è stato ufficiale di complemento dell’Aereonautica militare italiana, ricoprendo il ruolo di controllore della difesa aerea nella base radar di San Giovanni Teatino.

“Questo governo ha rilanciato la presenza dell’Italia nei Balcani, una presenza politica, una presenza militare consistente, sia in Kosovo che in Serbia o in Bosnia e in Albania. I nostri militari sono degli apripista e la loro presenza garantisce il nostro Paese. Noi stiamo lavorando tantissimo per rafforzare la presenza del nostro sistema imprenditoriale, per internazionalizzare le nostre imprese, per aumentare le esportazioni in quella parte d’Europa dove ci sono tanti Paesi candidati ad entrare nell’Ue”. Lo ha detto il ministro Antonio Tajani durante il punto stampa in Comune a Pescara a chiusura del suo tour abruzzese. Tajani ha poi concluso affermando che “sono stati messi a disposizione finanziamenti consistenti per le imprese che vogliono investire nei Balcani, è un aiuto concreto alle imprese e a tutti gli imprenditori che devono sapere che noi ci siamo, che il Governo accompagnerà le imprese che vanno in Serbia in Kosovo ecc, che avranno sempre lo Stato come garanzia, come copertura. La nostra posizione politica via via andrà rafforzandosi, quindi potranno guardare a quei territori con interesse anche per gli scambi turistici”. “Pescara e l’intero Abruzzo – inoltre – guardano a quest’altra parte dell’Adriatico, ai Balcani, e potranno trarre vantaggi perché è la regione più vicina dal punto di vista marittimo. Si può fare molto e di più per le imprese di questo territorio e anche per i prodotti”. A margine della conferenza stampa del Ministro degli Esteri Antonio Tajani, che si è tenuta questo pomeriggio presso il Comune di Pescara, i Consiglieri regionali Simone Angelosante e Manuele Marcovecchio hanno ufficializzato il loro ingresso in Forza Italia. “Forza Italia dimostra di essere ancora una volta un movimento molto attrattivo nella nostra regione,” ha dichiarato il coordinatore regionale di Forza Italia Abruzzo, on. Nazario Pagano, anche lui presente all’incontro . “Dopo il successo alle elezioni politiche- ha proseguito Pagano- continua la crescita dei simpatizzanti azzurri sul territorio abruzzese e riteniamo che prossimamente ci saranno nuove adesioni importanti come quella dei Consiglieri Angelosante e Marcovecchio”.

I nuovi ingressi in Forza Italia in Abruzzo dimostrano “che il partito cresce e si rende protagonista del centrodestra come anima popolare e riformista”. Secondo Tajani è il segno non di una competizione all’interno del centrodestra ma di “equilibri che devono portare ad allargare tutta la compagine, non una competizione tra alleati a chi prende più voti, ma per portare tutto il centrodestra ad avere più voti. Penso a chi oggi milita nelle civiche, alle prossime elezioni europee, ai delusi della svolta a sinistra del Pd. Noi siamo saldamente al centro del centrodestra, e al centro della vita politica italiana. Vogliamo una presenza cospicua di Forza Italia a Bruxelles”. Il ministro degli esteri nella sua tappa pescarese del tour in Abruzzo, ha insomma affrontato il tema delle scadenze elettorali “anche qui in Abruzzo per le regionali del prossimo anno puntiamo ad avere un risultato a due cifre”, e nello stesso tempo ribadire come “non ci sia una rivalità tra alleati ma raccogliere voti perché facciamo cose buone”.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Valorizzazione dei negozi storici, via libera del Consiglio dei ministri alla legge della Regione Abruzzo

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *