Investimenti per il porto di Ortona

L’Autorita’ di sistema portuale (Adsp) ha presentato alla Regione Abruzzo un progetto da oltre 500mila euro per l’ammodernamento delle infrastrutture dedicate alla pesca nel porto di Ortona. A renderlo noto e’ la Camera di commercio Pescara-Chieti sottolineando che e’ la Regione Abruzzo a gestire le risorse europee per il settore ittico regionale e che a gennaio e’ stato emanato un bando specifico per porti, luoghi di sbarco, sale per la vendita all’asta e ripari di pesca. Il settore ittico ortonese e’ posizionato nell’area storica del porto tra la zona del Molo nord e il Mandracchio. Sono attualmente 62 i pescherecci che hanno base nello scalo con dimensioni tra 8 e 50 metri di varia tipologia. Il pescato viene commercializzato all’asta all’interno del mercato ittico di via Cervana. Complessivamente, il mercato tratta oltre 100mila chilogrammi di pescato locale all’anno per un valore di oltre 600mila euro. L’intervento che l’Autorita’ di sistema portuale del mare Adriatico centrale ha presentato per partecipare al bando, condiviso con il mondo della pesca, ha quindi la finalita’ di migliorare l’infrastruttura di pesca del porto di Ortona e l’edificio del mercato ittico in cui si realizza la vendita all’asta del pesce per assicurare migliore qualita’, controllo e tracciamento del prodotto ittico, garantire condizioni operative con piu’ elevati livelli di sicurezza degli operatori, favorire una maggiore efficienza energica e ridurre l’impatto ambientale. Fra le azioni previste dal progetto, ci sono il rinnovamento dei parabordi per la sicurezza degli ormeggi lungo 785 metri di banchina per un importo complessivo stimato in 140mila euro. Questo consentira’ di migliorare la sicurezza all’ormeggio ed evitare danni alle imbarcazioni causate da improvvise variazioni delle condizioni metereologiche

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

TUA, in arrivo nuovi minibus green per Pescara

Si arricchisce la flotta dei mezzi della Tua, l’azienda di trasporti della Regione Abruzzo, al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *