Commercio, Istat: a febbraio volano vendite nei discount, +7,7%

A febbraio si stima una crescita congiunturale per le vendite al dettaglio dello 0,7% in valore e dello 0,4% in volume. Sono in diminuzione le vendite dei beni alimentari (-0,6% in valore e -1,5% in volume) mentre aumentano quelle dei beni non alimentari (+1,7% in valore e +1,6% in volume. E’ quanto rileva l’Istat, spiegando che su base tendenziale, a febbraio le vendite al dettaglio aumentano del 4,3% in valore e dell’1,9% in volume. Le vendite dei beni non alimentari sono in aumento (+5,6% in valore e +5,0% in volume), mentre quelle dei beni alimentari registrano un aumento in valore (+3,1%) e una flessione in volume (-1,9%).

A febbraio dunque il valore delle vendite al dettaglio registra, nel complesso, una crescita sia in termini congiunturali sia in termini tendenziali. L’incremento tuttavia, spiega l’Istat nel commento “e’ piu’ contenuto se si considera la misura in volume. A livello merceologico, la crescita congiunturale dell’ultimo mese riguarda esclusivamente i beni non alimentari, mentre risultano in flessione gli alimentari, sia in valore sia in volume”. Le vendite sono in aumento tendenziale in tutte le diverse forme distributive; in particolare, l’Istat “evidenzia il risultato molto positivo dei discount (+7,7%). Anche le vendite online tornano a crescere, dopo le diminuzioni dei due mesi precedenti”. Nel trimestre dicembre 2021-febbraio 2022, in termini congiunturali, le vendite al dettaglio crescono in valore (+0,4%) e calano in volume (-0,4%). Diminuiscono le vendite dei beni non alimentari (-0,3% in valore e -0,4% in volume), mentre quelle dei beni alimentari aumentano in valore (+1,2%) e registrano un lieve calo in volume (-0,4%). Nel dettaglio, tra i beni non alimentari si registra una crescita tendenziale per tutti i gruppi di prodotti. Gli aumenti maggiori riguardano Giochi, giocattoli, sport e campeggio (+8,4%), Altri prodotti (+8,1%), Calzature, articoli in cuoio e da viaggio (+8,1%) e Prodotti farmaceutici (+8,1%), mentre l’incremento minore riguarda Cartoleria, libri, giornali e riviste (+0,1%). Rispetto a febbraio 2021, il valore delle vendite al dettaglio cresce in tutti i canali distributivi: la grande distribuzione (+3,6%), le imprese operanti su piccole superfici (+5,4%), le vendite al di fuori dei negozi (+2,7%) e il commercio elettronico (+5,0%).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

L’Istat migliora le stime tendenziali del Pil al 5 per cento annuo

L’Istat migliora le stime tendenziali del Pil. Nella terza stima, diffusa a 90 giorni dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.