Confindustria propone l’istituzione di zone franche urbane nelle zone colpite dal terremoto

Per sostenere le attivita’ economiche locali nelle zone del Centro Italia colpite dal terremoto negli ultimi mesi andrebbe fatta anche “una seria riflessione sull’opportunita’ di istituire le cosiddette ‘zone franche urbane'”, gia’ istituite in seguito agli eventi sismici dell’Aquila e dell’Emilia. Lo ha affermato il vicepresidente di Confindustria e presidente della Piccola industria, Alberto Baban, nel corso di un’audizione in Commissione Industria del Senato, in occasione della quale ha parallelamente sottolineato la necessita’ di integrare l’area del cosiddetto ‘cratere’, di calcolare anche i danni indiretti subiti e di accelerare le procedure di ricostruzione. Per Confindustria, infatti, altri aspetti “importanti riguardano i danni subiti dalle imprese in termini di impatto economico sulla loro attivita’, non solo i danni diretti, cioe’ determinati dalla chiusura (definitiva o temporanea) dell’attivita’, ma in particolare i danni indiretti, cioe’ generati dalla riduzione del giro d’affari indotta dal complessivo ridimensionamento dell’attivita’ produttiva e della domanda locale”. Sul turismo i danni indiretti “stanno assumendo dimensioni rilevanti”. E, dunque, andrebbe introdotta una misura di “compensazione”. Quanto alla proposta sulle zone franche, Baban ha sottolineato che sarebbe “uno strumento con finalita’ di mantenimento e rilancio di attivita’, soprattutto di micro-imprese, in zone particolarmente disagiate e a rischio di degrado e basato su meccanismi di riduzione della fiscalita’, statale e locale”. Su tutto e’ necessaria, ha rimarcato Baban, “la rapida realizzazione degli interventi di riparazione e ricostruzione” nei territori colpiti e questo “impone l’adozione di misure per l’accelerazione delle procedure e la definizione di una macchina amministrativa efficiente e dinamica, in grado di dare risposte coerenti alle esigenze di adeguamento e miglioramento sismico”. Per questo andrebbe anche “rafforzata la capacita’ amministrativa degli uffici pubblici coinvolti”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coronavirus, si registrano 556 nuovi casi (di età compresa tra 4 mesi e 95 anni)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *