Hotel Rigopiano, i soccorritori salvano altre persone

I soccorritori: andremo avanti sempre, finché non li troviamo tutti

“Andremo avanti sempre, finche’ non li troviamo tutti. Potrebbero ancora esserci delle persone in vita la’ sotto. Ma in vita o non in vita, non importa, non possiamo dare nulla per scontato. Ci sono delle famiglie che aspettano”. Lo ha detto un operatore del Soccorso alpino nazionale, Luca Giai Arcota, appena tornato a Penne (PESCARA) da un turno di ricerche sotto le macerie dell’hotel Rigopiano. “Oggi abbiamo fatto un lavoro mostruoso, eccezionale – ha detto -. Siamo in 90 solo noi del Soccorso alpino, oltre a una quarantina di vigili del fuoco e una decina di finanzieri almeno”

Il primo bilancio delle operazioni di soccorso

Undici sopravvissuti, cinque corpi senza vita recuperati e tra i 19 e i 20 dispersi: e’ questo il bilancio attuale della tragedia dell’hotel Rigopiano. Ai due sopravvissuti recuperati all’alba di giovedi’ – il cuoco Giampiero Parente e il ‘tuttofare’ dell’hotel Fabio Salzetta – si aggiungono la moglie di Parete, Adriana, e il figlio Gianfilippo, salvati nella mattinata di ieri, e i tre bimbi recuperati nel pomeriggio: l’altra figlia di Parete, Ludovica, Edoardo Di Carlo e Samuel di Michelangelo. Nella notte sono poi state estratte vive altre quattro persone, due uomini – Giampaolo Matrone (lievemente ferito) e Vincenzo Forti – e due donne, Francesca Bronzi e Giorgia Galassi. “Abbiamo altri segnali da sotto la neve e le macerie – ha detto questa mattina il funzionario dei vigili del fuoco Alberto Maiolo – stiamo verificando. Potrebbero essere persone vive, ma anche le strutture dell’albergo che si muovono sotto il peso della neve”.

A tre giorni dal crollo dell’hotel Rigopiano di Farindola i soccorritori continuano senza sosta a rimuovere la neve a mano, armati delle sole pale: e’ quanto riferisce Alessandro Massa del soccorso alpino speleologico di Ivrea che ha appena raggiunto il centro operativo comunale (Coc) di Penne dalle rovine dell’hotel. “Continuiamo a fare una bonifica dei vari settori spostando neve e macerie a mano per entrare nella struttura. La difficolta’ maggiore – spiega il soccorritore – e’ nello spostare tutta quella neve con la pale: siamo come tante piccole formiche che portano via la neve e le macerie”. Rispondendo a chi gli chiedeva se col passare delle ore non venga meno la speranza e anche l’entusiasmo Massa nega decisamente: “Il morale e’ sempre alto, noi dobbiamo portare a casa la gente che sta la’ sotto”

Al centro di coordinamento dei soccorsi di Penne, si trova a 10 km dall’Hotel Rigopiano, la nebbia si sta facendo più fitta e bassa, mentre la pioggia alterna momenti di diversa intensità. Questo rende più difficile i soccorsi, i quali però continuano. Già dalla tarda mattinata gli elicotteri del soccorso non si alzano più, probabilmente proprio per le condizioni avverse.

Identificata la terza vittima della tragedia

Identificata la terza vittima della tragedia di Rigopiano. Si tratta di Nadia Acconciamessa, mamma del piccolo Edoardo Di Carlo, ricoverato in ospedale, e moglie di Sebastiano Di Carlo, ancora disperso. Lo ha confermato il direttore sanitario dell’ospedale di Pescara, Rossano Di Luzio, durante il bollettino sanitario. In corso il riconoscimento delle altre due salme arrivate oggi in ospedale.

Curcio: bisogna lavorare come se fosse il primo giorno

“Fin quando sono in atto le operazioni di soccorso si lavora sempre con speranza”. Lo dice dalla Direzione di Comando e Controllo (Di.Coma.C.) di Rieti il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, nel fare il punto aggiornato sulla situazione delle operazioni di salvataggio dei 23 dispersi all’hotel Rigopiano di Farindola ai microfoni di Raines 24. “Bisogna lavorare come se fosse il primo giorno”, ha aggiunto Curcio, che ha confermato i numeri dati nel precedente punto stampa: 11 persone tratte in salvo, 9 delle quali dall’interno della struttura, e 5 vittime accertate fino ad ora.

I sopravvissuti

 Conclusa l’operazione chirurgica su Giampaolo Matrone, uno dei sopravvissuti alla valanga di Rigopiano di Farindola. L’operazione al giovane 34enne, residente in provincia di Roma, e’ durata poco piu’ di un’ora e ora il giovane e’ stato ora trasferito nell’Unita’ Operativa di Rianimazione del “Santo Spirito”. Le sue condizioni, come hanno riferito i medici, sono discrete.

Mano nella mano con la moglie, Valentina Cicioni, fino a quando i vigili del fuoco lo hanno salvato. Lo ha raccontato ai suoi soccorritori Giampaolo Matrone l’ultimo dei superstiti arrivato poco dopo le 8 all’ospedale di Pescara. “Le stringevo la mano e le parlavo per tenerla sveglia perche’ volevo che rimanesse sempre vigile. La chiamavo, poi a un certo punto non l’ho sentita piu’ e ho capito che mi stava lasciando”. Vicino a lui, Matrone ha raccontato di un’altra donna che non dava segnali di vita.

“I bambini stanno fisicamente bene, hanno superato quella leggera ipotermia, ma psicologicamente sono provati”. Cosi’ il primario della Rianimazione di Pescara, Tullio Spina, a proposito di Samuel Di Michelangelo, 7 anni, ed Edoardo Di Carlo, 8, i due bimbi superstiti dell’hotel Rigopiano. Spina sottolinea inoltre che la famiglia Parete e’ stata riunita ed e’ tutta in un’unica stanza.

Parla Francesca

“Francesca chiede di Stefano”. Lo dice il padre di Stefano Feniello, giovane disperso all’hotel Rigopiano, che racconta di aver parlato con i parenti di Francesca Bronzi, fidanzata del ragazzo, ora ricoverata in ospedale in buone condizioni di salute. “Se chiede di mio figlio – dice visibilmente provato il padre del giovane – immagino che non sappia cosa sia accaduto a Stefano”. I due erano a Rigopiano per festeggiare il compleanno del giovane; per l’occasione la fidanzata gli aveva regalato il soggiorno in hotel.

Ero al buio, in uno spazio piccolissimo, senza acqua e senza cibo. Molte persone erano nella sala garden, alcuni, tra cui me e Stefano, nella sala camino e i bambini nella sala biliardo”. Cosi’ Francesca Bronzi, una delle superstiti dell’hotel Rigopiano, avrebbe descritto ai familiari le terribili ore trascorse dopo la valanga, fino all’arrivo dei soccorritori.

 I migranti aiutano i soccorritori

Ci sono anche 10 migranti africani rifugiati o richiedenti asilo, volontari della Croce Rossa Italiana (Cri), alla base operativa dei soccorsi di Penne, in provincia di Pescara. Il gruppo di giovani ghanesi, maliani, nigeriani, proveniente da Settimo Torinese, dove sorge un grande centro della Cri che li ha formati, ha chiesto di essere impiegato nelle zone dell’Abruzzo colpite da terremoto e maltempo. Almeno due di loro saranno destinati al campo avanzato dei soccorritori dell’hotel Rigopiano, con compiti logistici. “Vogliamo dare una mano alle persone vittime del terremoto”, ha detto Barry Misbaou, 24 anni, della Guinea Conakry. Secondo Ignazio Schintu, responsabile nazionale logistica di Croce Rossa, la formazione e l’impiego come volontari di questi giovani migranti “e’ un esempio di buone pratiche”

Sopralluogo dei Pm

Il procuratore aggiunto di Pescara Cristina Tedeschini e il sostituto Andrea Papalia stanno raggiungendo l’hotel Rigopiano, accompagnati dai carabinieri forestali, per un sopralluogo. I magistrati hanno aperto un’inchiesta, al momento senza indagati, per i reati di omicidio plurimo colposo e disastro colposo. Ieri erano stati sequestrati alcuni documenti in Provincia e in Prefettura: tra questi il Piano neve dell’ente e i bollettini meteo degli ultimi giorni. Nella stessa giornata era emerso che una turbina della Provincia era fuori uso. Sempre ieri, i magistrati avevano ascoltato diverse persone in qualita’ di testimoni.

  Il ristoratore Quintino Marcella che mercoledi’ pomeriggio, per primo, diede l’allarme per la slavina di Rigopiano, e’ stato sentito dagli agenti della Questura di Pescara. La deposizione e’ avvenuta ieri mattina ed e’ durata circa due ore. “Non ho fatto altro che raccontare quanto gia’ noto. Hanno preso anche i dati identificativi del mio telefonino dai quali si potra’ vedere a che ora e a chi ho fatto le telefonate per chiedere aiuto”.

I nomi dei sopravvissuti

Al momento sono 4 i bambini e 5 gli adulti ricoverati presso l’ospedale di Pescara, dopo essere stati salvati dai resti dell’hotel Rigopiano, travolto dalla slavina. “I quattro bambini – riferisce l’ospedale nel bollettino – sono Gianfilippo e Ludovica Parete, Edoardo Di Carlo, Samuel Di Michelangelo. I cinque adulti sono: Adriana Vranceanu, Francesca Bronzi, Vincenzo Forti, Giorgia Galassi, Giampaolo Matrone”. Le condizioni cliniche dei ricoverati sono buone, “solo un paziente è attualmente in sala operatoria per un intervento all’arto superiore destro”. “La Prefettura ha già informato i familiari dell’identità di tre vittime. Ai familiari va il nostro senso di familiarità e vicinanza”, dicono i sanitari dell’ospedale di Pescara. Definite “buone” dal direttore sanitario dell’ospedale di Pescara, Rossano Di Luzio, le condizioni dei superstiti dell’hotel Rigopiano. Solo uno e’ in sala operatoria per un intervento chirurgico al braccio destro. Oltre alle cinque persone arrivate in ospedale ieri, stamani ne sono state ricoverate altre quattro

 

Le persone salvate

Sono quattro, due uomini e due donne, le persone estratte vive nella notte dalle macerie dell’hotel Rigopiano, in provincia di Pescara, travolto mercoledì scorso da una slavina, e altre due donne sono state estratte ormai senza vita. Il lavoro degli uomini del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico è continuato tutta la notte incessantemente: 40 tecnici del CNSAS, a fianco di SAGF (Soccorso Alpino GFD), Vigili del Fuoco e militari sono impegnati nei soccorsi. Durante la notte sono arrivati da numerose regioni italiane rinforzi e squadre del CNSAS, per avvicendare gli uomini del Soccorso Alpino presenti sul posto. I nuovi arrivi hanno coinvolto squadre provenienti da: Piemonte, Veneto, Toscana, Lombardia, Emilia Romagna, Molise, Campania, Umbria e Lazio. Sul posto anche tecnici speleologi del CNSAS, che hanno operato nel recente terremoto del Centro Italia e specializzati negli interventi su macerie.

Il meteo 

Le condizioni meteo stamattina sono peggiorate nella zona di Farindola, sul Gran Sasso pescarese, e questo rende piu’ difficili le operazioni di soccorso sotto le macerie dell’hotel Rigopiano. “Oggi lassu’ ha iniziato a nevicare e questo ostacola gli operatori – ha detto il portavoce del Soccorso alpino nazionale Walter Milan, nel centro operativo di Penne -. Noi siamo presenti con 60 uomini, 10 in piu’ di ieri”. Ieri prima delle notizie del ritrovamento di dispersi vivi Milan aveva ipotizzato che in queste condizioni climatiche eventuali sopravvissuti potessero resistere anche due-tre giorni – la valanga e’ caduta mercoledi’ pomeriggio -, “se avessero trovato una ‘sacca d’aria in cui stare'”, “ma e’ difficile”, aveva precisato

 

La tecnologia per catturare i segnali dei cellulari

Nella corsa contro il tempo per salvare le persone intrappolate dalla slavina nell’albergo Rigopiano a Farindola giocano un ruolo-chiave anche le sofisticate tecnologie in uso alla Polizia Scientifica per la localizzazione dei dispersi attraverso i loro cellulari. Analoghe sofisticate apparecchiature vengono utilizzate dalla Guardia di Finanza.

Ieri sera, intorno alle 22, il gatto delle nevi e’ riuscito a portare sul posto le strumentazioni elettroniche che vengono abitualmente utilizzate dalla Polizia per la geolocalizzazione dei cellulari e che sono state posizionate nella mansarda dell’albergo per catturare i segnali provenienti da una lista di undici cellulari forniti dalla squadra mobile di Pescara e appartenenti ai dispersi. Le strumentazioni, nonostante il buio, il freddo e la neve, hanno consentito di individuare il punto preciso in cui scavare, dando una traccia preziosa ai soccorsi. E’ stata cosi’ tratta in salvo una persona ferita e sono stati recuperati tre cadaveri.

Anche le Fiamme Gialle presenti sul posto stanno utilizzando sistemi che consentono di localizzare i telefoni cellulari per indirizzare le ricerche verso aree circoscritte. In particolare sono stati rilevati segnali di due utenze intestate ad ospiti della struttura provenienti dallo stesso punto in cui sono stati individuati alcuni superstiti. Il sistema in uso alla Gdf prevede che, una volta acquisite le utenze in uso ai dispersi, venga avviato il monitoraggio: la localizzazione di precisione consente di individuare il target nel raggio di un metro

 

L’ospedale

“La nostra struttura ospedaliera rimane in allerta per accettare eventuali altri pazienti, ma al momento non abbiamo nessuna comunicazione di nuovi arrivi”. Lo ha detto Rossano Di Luzio della direzione sanitaria di Pescara durante un punto stampa.Il prossimo bollettino sanitario è previsto alle 17.30 di oggi.

Il vice ministro dell’Interno, Filippo Bubbico, ha lasciato l’ospedale Civile di Pescara dopo aver incontrato i superstiti della tragedia di Rigopiano. Bubbico, accompagnato dal prefetto di Pescara, Francesco Provolo, ha parlato con i sanitari e con i familiari dei ricoverati. L’esponente del governo si sta trasferendo a Penne per seguire la macchina dei soccorsi

Il conto delle vittime della tragedia

E’ stato estratto il corpo di un uomo senza vita dall’hotel Rigopiano. Il bilancio ufficiale sale così a 5 morti, di cui tre estratti tra la notte e la mattinata di oggi.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

A ottobre gli occupati in Italia calano lievemente rispetto a settembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *