Inflazione, carrello della spesa mai così caro dal 1986

A maggio l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,8% su base mensile e del 6,8% su base annua (da +6,0% del mese precedente), stando alla fotografia scattata dall’Istat che aggiorna la stima preliminare del +6,9%. “Dopo il rallentamento di aprile – il commento dell’Istituto di statistica -, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da novembre 1990”. Vola il carrello spesa, mai così caro da 1986.A fare da traino, ancora una volta, sono gli elevati aumenti dei prezzi dei beni energetici: si passa da +39,5% di aprile a +42,6% a causa degli energetici non regolamentati (da +29,8% a +32,9%; per gli energetici regolamentati è stabile a +64,3%), a livello congiunturale l’incremento per i beni energetici non regolamentati è del +3,6%.

Le conseguenze “si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione”. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del carrello della spesa che si porta da +5,7% a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (all’epoca al +7,2%). Su base tendenziale, per i beni alimentari lavorati si registra un aumento da +5,0% a +6,6% e a livello congiunturale si segnala un +1,3% e un +1,1% per gli alimentari non lavorati.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coronavirus, sono 5.919 i casi positivi al Covid-19 registrati tra il 19 e il 25 novembre

Sono 5.919 i casi positivi al Covid-19 registrati tra il 19 e il 25 novembre. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *